Cerca

l'appello

Niente legittima difesa: imprenditore bergamasco condannato a 6 anni

Antonio Monella aveva sparato a un albanese che gli stava rubando il suv. Il secondo grado ha confermato il verdetto di colpevolezza

Matteo Pandini

Matteo Pandini

Nato a Lecco ma cresciuto a Bergamo, ho lavorato anche per il Giorno, E Polis e altri quotidiani e agenzie varie. Vivo tra Milano e le Orobie. A Libero mi occupo prevalentemente di politica, in particolare di Lega Nord e argomenti simili. Mi vanto di lavorare con Alessandro Giorgiutti e con il grafico Ciro Iafelice. Sono interista-integralista. Stimo moltissimo anche i colleghi del sito Claudio Brigliadori e Andrea Tempestini, sotto la cui dettatura sto scrivendo il mio curriculum per la quinta volta (prima non gli andava bene perché non li avevo citati). Ora posso riavere la mia merendina?
Niente legittima difesa: imprenditore bergamasco condannato a 6 anni

L’appello ha condannato a 6 anni e 2 mesi di carcere Antonio Monella, l’imprenditore di Arzago (Bergamo) che sei anni fa, nella notte tra il 5 e il 6 settembre, sparò e uccise Helvis Hoxa, un albanese di 19 anni che gli stava rubando il Suv parcheggiato nel cortile. Abbiamo raccontato la sua storia pochi giorni fa, su questo blog. Il primo grado di giudizio si chiuse con una condanna ad otto anni di carcere per omicidio volontario. Il giudizio di secondo grado, invece, pur confermando la volontarietà dell'omicidio, sconta 20 mesi di carcere a Monella escludendo, come già avvenuto in primo grado, il “dolo intenzionale”. Ora questa nuova sentenza che non soddisfa i legali dell'imprenditore, che stanno già pensando ad un ricorso in Cassazione. Monella aveva raccontato di aver imbracciato il fucile anche perché non sapeva quanti e dove fossero i banditi albanesi che gli erano entrati in casa. Ma i magistrati, per la seconda volta, non hanno voluto sentir parlare di legittima difesa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Marcoenrico

    03 Luglio 2012 - 10:10

    Inoltre non resta che sperare che a casa dei giustizialisti anti-italiani, che lo hanno condannato, entrino alcuni xxxx a rubare e che loro non possano difendersi.

    Report

    Rispondi

  • pisolobollente

    01 Luglio 2012 - 10:10

    se era l'albanese a sparare e il povero imprenditore cadeva sotto i colpi ,quanti anni gli toccava... un paio forse!!!? si diceva che era disperato che veniva da un paese da fame etc etc. questa secondo voi si chiama giustizia.. viva il duce

    Report

    Rispondi

blog