Cerca

Complimenti per la trasmissione

Il ritorno implacabile di Paolo Limiti

il nuovo programma dell'antico culto

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...
paolino limiti returns

Del ritorno dell’antico culto televisivo di Paolo Limiti (Estate con noi, Raiuno ogni giorno alle 12), estratto dal mausoleo degli eroi di corso Sempione, due sono le scuole dei pensiero.
La prima è quella di Repubblica . Che evoca uno stato di sospensione del tempo, del rifiuto del nuovo e del ripristino del vecchio, della tendenza all’accanimento senile, dell’ipnosi delle dentiere e clangore dei cateteri. È la scuola di un certo tipo di satira che sparava su Limiti dieci anni fa, non avendone mai visto fino in fondo un programma. Poi c’è la seconda scuola. Che è quella di chi ha meno di 40/60 anni (il target di riferimento, rispettabilissimo di Limiti) e, con allegria, decide di ciucciarsi, per un intero pomeriggio. questo squarcio d’antico in una Rai vecchia dentro. E qui arriva la sorpresa. Qui scopri quel che si dice un programma “scritto” e, in questo caso, musicato. C’è Limiti col suo tono sussurrato e fintamente sorpreso («Ma daaai...!») che cita Proust e spiega che la «musica è lo specchio della nazione» e  le canzonette l’ansiolitico delle grandi crisi. C’è Limiti, spietato, che mette la Zanicchi davanti all’evidenza dei suoi abiti terribili fatti di spighe negli anni ’70 («Meno male che poi hai imparato a vestirti»). C’è Limiti che propone l’esordio di Beppe Grillo in Rai vestito di salopette e ironia griffata Antonio Ricci. C’è, infine, Limiti che rispolvera I Jalisse, Giovanna  dai denti separati, Iannuzzo nel vecchio sketch “Nord/Sud”, e una mezza dozzina di giovani donne e giovani uomini, figaccioni della voce possente che intonano “L’esercito del surf”. Il tutto scandito dal ritmo di balletti, video, canzoni immortali, spiegate da Limiti con dovizia d’un maestro di liuto.
 Certo, magari uno credeva che Floradora, il cagnone fotocopia sbiadita dei Muppets, fosse morta di vecchiaia. Certo, magari uno potrebbe ricordare a Limiti che se le sue canzoni sono senza tempo, non è detto che lo siano le sue cravatte. Ma, insomma, a parte questo, lo sfruttamento intelligente delle teche (un patrimonio) Rai, e il recupero limitiano della memoria storica è efficace. Date le terrificanti prove di  tanti “giovani” talenti alla conduzione, il ritorno del vecchio storyteller è, paradossalmente, aria fresca...



Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • uycas

    06 Luglio 2012 - 23:11

    il programma lo guardo con piacere, alcuni ospiti sono noiosi in quanto sono la replica dell'ultima programmazione di Limiti su rai2. COmunque trovo interessanti le interviste soprattutto leggere con risposte interessanti e curiose. Mercoledì è stata ospite Mara Maionchi ed ha raccontato diversi fatti sui cantanti anche attuali e Limiti aggiungeva gossip e fatti ormai rimossi dalla Maionchi. GLi argomenti trattatti non sono proprio da vecchi, è lo stile con cui li tratta (balletti etc) sono un pò vecchi.

    Report

    Rispondi

  • francescospecchia

    06 Luglio 2012 - 19:07

    Ellamadonna....

    Report

    Rispondi

  • sparviero

    05 Luglio 2012 - 13:01

    Dovrebbe avere circa 105 anni. Una ventata di giovinezza in TV

    Report

    Rispondi

blog