Cerca

A Monticiano i cittadini sono tutti uguali, tranne i “gobbi” e quelli “non di sinistra”….

Luciano Moggi

Luciano Moggi

Luciano Moggi nasce il 10 luglio 1937 a Monticiano, in provincia di Siena. Manager e dirigente sportivo del mondo del calcio, è noto al grande pubblico per aver ricoperto dal 1994 al 2006 la carica di Direttore Generale della Juventus. Attualmente è collaboratore del quotidiano Libero
A Monticiano i cittadini sono tutti uguali, tranne i “gobbi” e quelli “non di sinistra”….

Cara Sindaco,

Lei confonde troppo lo sport con la politica, non accetta le contestazioni e quindi confonde la democrazia con la dittatura; perché non ha colto l’occasione per tacere? 

Sa come si dice, “una bocca zitta ne zitta cento”. 

Cosa c’è da difendere? Chi sbaglia deve avere l’umiltà di chiedere scusa. Se fosse vero che tutti i cittadini di Monticiano sono uguali non stigmatizzerebbe il fatto che 100 famiglie (di singoli) non avrebbero avuto piacere alla partecipazione di Luciano Moggi alla presentazione del libro di Narducci. Non avrebbe considerato lo striscione “Grazie Luciano” come provocatorio, tanto più se affisso nel club Juventus che porta il suo nome.

Se ben ricorda fui io a suggerirle di chiamare Luciano Moggi e di spostare la data della presentazione facendola slittare di due settimane per creare un vero dibattito incontro che avrebbe portato più delle 100 famiglie (di singoli); ma siccome io non sono di sinistra e per di più “gobbo” non si è nemmeno degnata di ascoltarmi e tanto più io sono abituato a conoscere quelli che si auto invitano a casa mia facendo spendere alla collettività di Monticiano 1.100 euro (gobbi compresi).

Se lei non era a conoscenza di chi fosse Narducci e di quale argomento trattasse il suo libro o è un’ingenua o è disinformata. Il libro si intitola “Calciopoli” e quindi non sarebbe stato più corretto far intervenire anche uno dei diretti interessati, e cioè Luciano Moggi? Tanto più se nostro concittadino, così si poteva evitare di “non parlare male di nessuno in particolare”…

Un’altra cosa deve sapere inoltre: gli juventini veri amano Luciano e ce ne sono circa 13 milioni in Italia; davanti alla mia enoteca passano decine di persone ogni anno e si fanno le foto sotto alla targa “Juventus Club Luciano Moggi”, come vede, quel posto che lei non frequenta solo perché è di parte e non di diversa fede calcistica, attrae molto di più di una manifestazione fatta a commemorazione di una persona che nello sport ha comunque commesso gravi illeciti e che è stato comunque condannato nel 1980 a tre anni e sei mesi. 

Come vede i cittadini di Monticiano non sono tutti uguali. Si sa bene come agite voi indipendenti di sinistra e quale clima discriminatorio e giustizialista create contro chi non la pensa come voi.

Per quanto riguarda il “clima intimidatorio che siamo abituati a vivere a Monticiano”, dopo le aggressioni subite dai miei figli e le scritte offensive nei miei confronti, le corone mortuarie trovate  fuori l’uscio, sono contento che lei si sia resa conto del clima nel quale sono costretto a vivere (soprattutto in campagna elettorale).

Le ricordo che lei è stata invitata alla conferenza stampa di S. Quirico d’Orcia dall’Amministrazione comunale e dallo Juventus Club locale a cui lei inizialmente aveva assicurato la sua presenza senza poi in realtà presentarsi… Perché?

Eppure come vede lo sport non ha colore politico, è trasversale, io con l’Assessore allo Sport di S. Quirico, sicuramente uomo di sinistra, condivido unicamente la fede calcistica, quella per la Juventus.

Colgo l’occasione per ringraziare per l’ospitalità a noi concessa l’Amministrazione comunale di S. Quirico d’Orcia, lo Juventus Club e tutti coloro che hanno partecipato. Nemo propheta in patria.

 

Mircko Giorgini

Coordinatore Juventus Club Monticiano “Luciano Moggi”


Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog