Cerca

Padri, madri e altre catastrofi

"Se papà dimentica il figlio maggiore"

La terribile sensazione di non contare nulla

Simona Bertuzzi

Simona Bertuzzi

Cronista, ho sempre pensato ai figli come un ingombrante accessorio della vita adulta. Poi ho conosciuto Viola e mi sono innamorata. Amo viola, le gerbere, il mio lavoro, le mamme in bilico e i papà pasticcioni. Odio le "dolci attese", "l'orologio biologico" e "i corsi preparto". Questo blog racconterà storie, attimi e follie delle famiglie di oggi. Ma non sarà un blog per mamme perché non si dica "cazzo non si parla mai dei papà...".
"Se papà dimentica il figlio maggiore"

Il destino dei numeri uno (i figli primogeniti) si capisce anche da episodi come questo. A Treviso un papà di 35 anni decide in un caldo pomeriggio di agosto di portare al parco i figli di 5 e 3 anni. Li chiameremo Luca e Stefano, per fissare meglio la scena. La giornata è torrida, toglie il fiato. Non c’è anima viva in giro, giusto due tossici buttati su una panchina e qualche anziano assopito ai tavolini di un chiosco. I tre scherzano e ridono tutto il giorno. “Papà mi spingi sull’altalena”,  “papà guarda come mi arrampico”. Un quadretto idilliaco. Con mamma a casa che si immagina i giochi e le baruffe mentre si concede una pausa dalla bufera quotidiana. A un certo punto il richiamo della cena imminente. “Si è fatto tardi andiamo”, grida papà: agguanta Stefano, il figlioletto di 3 anni e sale in macchina. Luca no, lo lascia al parco. Luca che fino a un minuto prima correva come un matto, si arrampicava e sghignazzava dietro ai grilli, uno sguardo ogni tanto al fratellino e uno di sbieco a papà, Luca resta lì convinto che il gioco vada avanti. “Adesso mi nascondo”, pensa Luca e si infila in un tunnel di cemento. Fa un caldo bestiale, le gocce scendono sulla fronte arrossata come se piovesse. Il cuore batte forte, tum tum. "Adesso mi cercano", "adesso sento la vocina di Stefano". "Dai che adesso viene papà e mi abbraccia forte". Invece no. Non c’è Stefano a fare capolino all’imbocco del tunnel ma la faccia tonda e odiosa di un ragazzino mai visto prima. E il signore che si vede là in fondo al parco assomiglia tanto a papà ma no, non è lui. Eppure erano qui un momento fa. "Non piango mica", pensa Luca, ma le lacrime scendono copiose sulla sua faccina rossa bagnata di sudore. Stefano e papà intanto se ne stanno seduti tranquilli in macchina.  Scambiano qualche battuta, ridono, scherzano. Luca non c’è. Luca non c’è… ma perché nessuno se ne accorge? Perché nessuno lo chiama? Quando la moglie apre la porta di casa e lo guarda in faccia, questo papà di 35 anni si accorge di aver fatto l’errore della vita. La donna sbianca mano a mano che gli occhi indagano avidi ogni centimetro di pianerottolo alle sue spalle. La sua voce riesce a dire appena “ e Luca dov’è?" Cinque parole di risposta: "l’ho dimenticato al parco". Cinque maledette parole prima di correre come pazzi ai giardinetti e scivolare in fretta nell’abisso dell’angoscia. Hanno battuto ogni centimetro del parco. Hanno urlato, pianto, chiamato la polizia. Si sono anche insultati. "L’hai dimenticato bastardo…." Luca ha vagato per mezzora lungo le strade deserte di Treviso poi qualcuno si è accorto di questo bambinetto solo e ha avvertito vi igili. Per il papà 35enne nessuna denuncia: "è già molto provato", hanno detto i ghisa. Strano modo di vedere le cose. La realtà è che Luca è stato abbandonato, cancellato, rimosso per due ore. E non c’entrano nulla la routine, lo stress, la fatica che ci piace scomodare per giustificare l’abbandono di un figlio in auto da parte di un papà o una mamma distratti. Quel papà si è ricordato di un figlio e si è scordato dell'altro. E questa sensazione di abbandono - semplice, pura, allucinante - Luca se lo porterà dentro per sempre. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Roderigo

    27 Febbraio 2013 - 10:10

    Il papà chiama i figli:"A casa, a casa è tardi".I due si avviano all'auto che è lì vicino,in vista e lasciata appunto aperta, perchè il "parco" è un giardinetto, a poche centinaia di metri da casa. Egli,che si avvia più lentamente all'auto,vede entrare il più grande e,attraverso la stessa portiera,vede entrare anche l'altro. "Maledette chiavi,dove lo ho messe?",cerca in ogni tasca:"le avrò perse durante il tragitto?".Volta le spalle all'auto,frugando in ogni tasca, e gettando occhiate sui pochi passi percorsi; poi,ecco,nel momento di avviarsi a ritroso:"toh! eccole qua, che stupido!". Però povero papà, non si è accorto che il più grande è sceso: gli scappava la pipì ed è dietro l'albero accanto all'auto, per cui entra, avvia il motore e parte, un'occhiata distratta ai figli, ne vede uno solo "l'altro si è chinato" pensa; li ha visti entrare,non possono essere altrimenti che lì entrambi. E anche questo può essere!!"omnia munda mundis": tutto è innocente per i non maliziosi.

    Report

    Rispondi

  • Roderigo

    27 Febbraio 2013 - 10:10

    Il papà chiama i figli:"A casa, a casa è tardi".I due si avviano all'auto che è lì vicino,in vista e lasciata appunto aperta, perchè il "parco" è un giardinetto, a poche centinaia di metri da casa. Egli,che si avvia più lentamente all'auto,vede entrare il più grande e,attraverso la stessa portiera,vede entrare anche l'altro. "Maledette chiavi,dove lo ho messe?",cerca in ogni tasca:"le avrò perse durante il tragitto?".Volta le spalle all'auto,frugando in ogni tasca, e gettando occhiate sui pochi passi percorsi; poi,ecco,nel momento di avviarsi a ritroso:"toh! eccole qua, che stupido!". Però povero papà, non si è accorto che il più grande è sceso: gli scappava la pipì ed è dietro l'albero accanto all'auto, per cui entra, avvia il motore e parte, un'occhiata distratta ai figli, ne vede uno solo "l'altro si è chinato" pensa; li ha visti entrare,non possono essere altrimenti che lì entrambi. E anche questo può essere!!"omnia munda mundis": tutto è innocente per i non maliziosi.

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    05 Settembre 2012 - 17:05

    forse era un figlio non voluto . dove abito io la signora , si fa per dire , ha avuto un figlio chissà da chi , ed è ritardato , non molto ma lo è . sua madre tanto ha fatto , uomini ogni giorno uno diverso , il bambino al tempo aveva 8 anni , stava chiuso in camera sua , e suddetta signora rimane incinta , non importa con chi , e lui brava persona , anche qui si fa per dire , due gemelli e lui sta con lei . il maggiore fa da schiavo , mi fa pena , lui fa tutto , guarda che i nuovi nati non piangano , li lava, manca solo che stiri , il suo faccino è triste e non parla mai . ora lui ha 11 anni e i due gemellini 3 . meglio dimenticarsi di avere un figlio o è meglio maltrattarlo ? non servono gli schiaffoni , ma siccome non sei intelligente ti odio .

    Report

    Rispondi

blog