Cerca

Il pallone di Luciano

Sanzioni, radiazioni, ipocrisie.
Che pena il governo del calcio.

Luciano Moggi

Luciano Moggi

Luciano Moggi nasce il 10 luglio 1937 a Monticiano, in provincia di Siena. Manager e dirigente sportivo del mondo del calcio, è noto al grande pubblico per aver ricoperto dal 1994 al 2006 la carica di Direttore Generale della Juventus. Attualmente è collaboratore del quotidiano Libero
Sanzioni, radiazioni, ipocrisie.
Che pena il governo del calcio.

"Povero calcio, se i suoi comandanti sono quelli che sono. Il modo di governare di Abete è sotto gli occhi di tutti, nei suoi comportamenti di nessuna coerenza si è tenuto anche le intemerate di Zeman. Solitamente a queste persone capitano di tutte e di più: lui non si è fatto mancare proprio niente. Tanto per 

cambiare abbiamo adesso il clamoroso casotto creato da Cellino, la sua folle idea di chiamare i tifosi al campo di Quartu Sant’Elena, già chiuso agli spettatori per motivi di ordine pubblico. Conseguenza, Cagliari-Roma non si è svolta per decisione, giustissima, del prefetto. Cellino è l’uomo forte della Lega insieme con Beretta, e di più è anche consigliere federale. Ci vogliamo allora domandare dove possa andare il calcio se chi ne ha il governo si comporta per «cose sue» in maniera così maldestra? Poco conta che Abete si sia affrettato a bacchettarlo, invocando per lui sanzioni severe anche extrasportive, poco importa che anche Beretta ne abbia preso le distanze: Cellino è sempre stato al loro fianco, anche per le svariate decisioni della Federazione circa le radiazioni o Premiopoli. Da che pulpiti! È vero quello che altri hanno detto, «sarebbe ora che tutti se ne andassero a casa», noi l’abbiamo detto molto tempo fa. E intanto il calcio rotola, non sappiamo immaginare dove andrà a finire. E en passant i dirigenti della Roma «per atto dovuto» hanno chiesto e ottenuto il 3-0 a favore della loro squadra. Il Cagliari di rimando li ha classificati «avvoltoi». 
Che bell’ambiente.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400