Cerca

lettere al direttore

News da Radio 105

I Modà volano al cinema

I Modà volano al cinema

Debutto al cinema. Concerti sold out, dischi di platino a ripetizione, premi e riconoscimenti: ai Modà mancava solo un’ultima sfida, il cine......

 

ascolta ora

Radio 105

Complimenti per la trasmissione

La Scimmia, la scuola in tv per gli studenti non ha appeal

il primo learnig show di Italiauno

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Biografia: Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...

tutti i post dell'autore

scena di lotta di classe da La Scimmia

Quando il preside Walter Siti, nella sua estemporanea lezione sull’amore, cita Kant dicendo: « L’uomo non si accontenta di tutto ciò che è limitato...», non realizza che si sta riferendo proprio del programma che dà il pulpito.

Non che Siti non sia bravo. Ma è il programma La Scimmia- La scuola in tv  (di questo stiamo parlando) che ha dei limiti strutturali. L’idea del learning show,  cioè «del primo programma che porta la cultura e la scuola in televisione» (Italiauno sabato ore 14, share bassino 7%, più strisce quotidiane che vanno peggio e una presenza ingombrante sul web) voluto da Valsecchi, in sè non era male. Anzi. Ci sono sedici ragazzi che hanno abbandonato la scuola ai quali si concede una «seconda chance» per diplomarsi: tra l’altro, quasi tutti come in Saranno famosi odiano la scuola, hanno tremendi problemi familiari, ma uno solo, Carlo Alberto, confessa di essere lì per presenziare in tv. C’è una discreta conduttrice Giulia Bevilacqua.  Ci sono tranche de vie alla Grande Fratello, solo più colto: letti a castello, sveglie canterine, scazzi ad uso telecamera -tra Alejandro e Andrea- per bagatelle legate al lavaggio delle stoviglie; allenamenti in palestra, piacevoli laghetti e pratini inglesi dove far finta di leggere un libro di poesie, neanche dovesse interrogarti il professor Keating dell’Attimo Fuggente. Ci sono gli ospiti attirasacolti, da Checco Zalone ai Soliti idioti.

Ci sono, infine, gli insegnanti. Efficaci, allegri, giovani, dai metodi piacevolmente eversivi; i migliori sono Camurri -filosofia- quando non si veste da Napoleone «appena tornato dalla battaglia di Jena»; e Buonanno -italiano- che spiega il purismo dando, in pratica, del cretino a Vincenzo Monti. Ci sarebbero tutti gli elementi per imbastirci un successo. Ha qualcosa che stona. E, si badi, non è solo una questione di pastrocchio di generi (É ality? Fiction? Educational? Bah...) . Il problema sta nel target giovani di Italiauno. La scuola è un argomento che affascina. Basti evocare i racconti di Frank McCourt, il Peter O’Toole di Goodbye Mr. Chips, Silvio Orlando insegnante di italiano che nella Scuola non vuole bocciare lo studente Cardini, disadattato ma che fa benissimo la mosca. La scuola affascina. Ma gli adulti, mica i ragazzi.

I quali, dopo sei giorni di smarronate sui banchi, d’interrogazioni, di prof idioti o sanguinari, rietrati a casa proprio non se la sentono di rivedere banchi e lezioni. Il masochismo, quando sei un teen ager non ha connotazione letteraria, ma solo una rottura... 




Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Shopping

blog