Cerca

L'ARRESTO DI SALLUSTI

L'Italia della galera pazza

Chi va in carcere e chi no

Nazzareno Carusi

Nazzareno Carusi

Pianista, nato a Celano, vive a Ravenna per amore. Ha suonato in tutto il mondo e il Washington Post ha recensito un suo concerto come “una serata d'arte mozzafiato”. Fra le istituzioni che lo hanno ospitato ci sono anche il Teatro alla Scala di Milano, la Carnegie Hall di New York, il Teatro Colon di Buenos Aires, il Toronto Centre for the Arts, la Brahms Gesellschaft di Amburgo, la Toyo Hall di Tokyo e la Federation Hall di Melbourne. I suoi dischi sono pubblicati dalla Emi. (foto by Daniele Cipriani)

https://twitter.com/@NazzarenoCarusi

L'Italia della galera pazza

di Nazzareno Carusi

Così, al volo, scioccato...

Qualche giorno fa un amico, un amico caro, è stato ucciso a Celano (AQ) mentre attraversava la strada, da un pirata che ha sorpassato la macchina ferma in attesa del suo passaggio. Questo disgraziato è a casa, libero, senza aver fatto un minuto di galera.

Il direttore Alessandro Sallusti, invece, è stato arrestato poco fa nella sede del Giornale per essere evaso dagli arresti domiciliari, ai quali è stato condannato non per diffamazione (è bene ricordarlo sempre), ma perché il giudice lo ritiene "socialmente pericoloso".

Beh!, mi fanno schifo un parlamento che fa leggi del genere e una magistratura che le applica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • gilda lops

    11 Dicembre 2012 - 10:10

    L'Italia è stata umiliata e civilmente retrocessa. Propongo un referendum per togliere nei tribunali la scritta " LA LEGGE E UGUALE PER TUTTI" La legge va secondo gli umori del giudicante di turno. Fuori i delinquenti dentro gli innocenti. Che schifo mi vergogno di essere italiana

    Report

    Rispondi

  • simplicius

    02 Dicembre 2012 - 18:06

    sai suonare solo questo per il tuo padroncino, ma vai a lavorare

    Report

    Rispondi

  • wwfabus

    02 Dicembre 2012 - 12:12

    purtroppo non siamo in una democrazia ma in una dittatura dei poteri forti. io sto pagando ancora le spese del cattivo operato dei giudici che dovrebbero avere una assicurazione di responsabilità civile ed essere controllati dagli ispettori assicuratia sulle loro capacita valutative, noi paghiamo le loro frustrazione e a me chi mi paga la vita rovinata dalla facile carcerazione senza prove. vedi caso tortora.. l'italia sta diventando uno schifo e mi vergogno di essere italiano

    Report

    Rispondi

blog