Cerca

Contro Obama

Strage alle elementari, la lobby delle armi rilancia: guardie con pistole nelle scuole

Glauco Maggi

Glauco Maggi

Giornalista a NYC per Libero, autore di Figli&Soldi (2008), Obama Dimezzato (2011). Politica ed economia. Maestri: Hayek, M.Friedman, T.Sowell

Strage alle elementari, la lobby delle armi rilancia: guardie con pistole nelle scuole

 

 

Una settimana esatta dopo la strage dei 20 bambini e delle sei maestre nella scuola elementare di Newtown (Connecticut) per mano di un ragazzo di 20 anni autistico che è riuscito entrare nell’istituto armato fino ai denti con un paio di pistole, una mitraglietta e centinaia di proiettili, la NRA (The National Rifle Association, associazione nazionale del fucile) ha preso pubblicamente posizione con una conferenza tenuta dal suo CEO  Wayne LaPierre al Willard Hotel di Washington. Ogniqualvolta succedono omicidi di massa ad opera di gente folle, violenta, e armata, la Nra, che conta 4 milioni di iscritti tra cacciatori, appassionati del poligono di tiro, collezionisti e normali cittadini preoccupati per la difesa personale, finisce sul banco degli accusati dell’opinione pubblica, incline a vedere le armi come la sola causa delle stragi. Del resto è la NRA che, essendo la riconosciuta e forte lobby dell’industria produttrice delle armi, da sempre si batte contro le leggi che limitano la libertà dei cittadini a comprarle e a detenerle privatamente, che è un diritto sancito dal Secondo Emendamento della Costituzione. E di questo ruolo paga il fio.

LaPierre, il cui intervento era particolarmente atteso dopo il silenzio di sette giorni dall’orribile delitto, è stato battagliero a difesa dell’uso legale delle armi. E affrontando direttamente la protezione degli scolari e degli insegnanti dai malintenzionati, ha caldeggiato la presenza di personale armato in ogni scuola con un piano a copertura nazionale. Secondo lui, “brave persone bene addestrate”, non leggi più dure contro le armi, sono il solo mezzo efficace per proteggere chi frequenta le scuole in tutto il Paese. “La sola cosa che ferma un tipo cattivo armato di una pistola è un tipo buono con una pistola”, ha detto il CEO della NRA, che ha espresso in apertura oltraggio e dolore per la sparatoria alla Sandy Hook Elementary School. Nella mezzora del suo discorso ha poi però avuto parole dure contro Obama, il Congresso, i media e il settore del cinema, della Tv e dei videogiochi, accusando tutti per il fallimento generale nell’affrontare alla sua radice il problema della violenza legata alle armi. “I politici passano leggi che introducono le zone libere dalle armi attorno e nelle scuole, poi emettono comunicati stampa vantandosi di ciò, poi mettono dei segnali in strada per fare pubblicità a questa misura. Così facendo, dicono a tutti i pazzi killer d’America che le scuole sono il posto più sicuro per infliggere la massima carneficina con il minimo rischio”, ha detto il rappresentante della NRA.

LaPierre non ha risposto alle domande dei giornalisti dopo le sue parole bellicose, che equivalgono al preannuncio che la sua associazione non ammorbidirà l’opposizione a più strette normative al commercio, alla diffusione, all’utilizzo e alla stessa produzione di armi, che Obama ha messo nella sua agenda per il 2013. A questo proposito il presidente ha già incaricato il suo vice Joe Biden di preparare entro fine gennaio un pacchetto di leggi, in cooperazione con il Congresso, tese a impedire il ripetersi di drammi come quello di Newtown. Sul tappeto, oltre alle limitazioni di certi tipi di armi automatiche, c’è anche la procedura dei permessi alle persone con problemi mentali, una rete che oggi ha troppi buchi. Verrà anche inserito il suggerimento della NRA di una guardia armata per ogni scuola? Assai improbabile, anche se concettualmente non è idea diversa dalla pratica di mettere un agente armato su ogni volo aereo contro il pericolo dei dirottamenti e degli attentati. Li mettono, e dicono a chiare lettere che li mettono, le linee civili israeliane: niente è mai successo sui loro velivoli.

twitter @glaucomaggi

 

 

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog