Cerca

Stile&stiletto

Il lato sacro della moda
Madonne e Santi
su magliette e pochette

Daniela Mastromattei

Daniela Mastromattei

Daniela Mastromattei è caposervizio di Libero, dove si occupa di attualità, costume, moda e animali. Ha cominciato a fare la giornalista al quotidiano Il Messaggero, dopo un periodo a Mediaset ha preferito tornare alla carta stampata

Il lato sacro della moda
Madonne e Santi
su magliette e pochette

C'è poco da fare, i primi a lanciare la «sacra» moda sono stati Domenico Dolce e Stefano Gabbana. Dolce, originario della Sicilia ha portato in passerella le atmosfere tipiche di un'isola ancora molto religiosa e legata alla tradizione. E quindi una Madonna barocca, protetta da un baldacchino di fiori e rose («La collezione è dedicata alla Madonna in quanto mamma»), una processione di camicie da chierichetto, di velluti e broccati da arciprete, icone sacre, come gli stendardi delle confraternite rionali. E le T-shirt scandite dall’effigie dei santi, da Santo Stefano a San Damiano, da Santa Lucia a San Domenico e Santa Teresa. Sarà il periodo che stiamo vivendo, la paura del futuro e la certezza che nei momenti di crisi ci si rivolge in alto, ma anche Tyche coniugando femminilità e artigianalità rigorosamente made in Italy, tessuti leggeri e preziosi per abiti dal taglio impeccabile e dalle forme morbide, fa diventare la donna che li indossa divulgatrice dell’arte (sacra). Insomma un onore per chi riesce ad accaparrarsi uno degli abiti in edizione limitata della piccola collezione del marchio Tyche con sul davanti la Madonna in rosso di Giovanni Bellini.
Bellissimo e straordinario capolavoro, risale alla prima metà del Quattrocento, con la Vergine che prega mentre il Figlio dorme a indicare la premonizione del suo sacrificio; in questo caso tale premonizione è sottolineanta anche dal dolore del manto della Vergine, rosso come il sangue. Stupendo anche il gioco di luce che mette in rilievo lo sviluppo elegantissimo delle pieghe di quel manto e sfuma sul dorso della mano sinistra giunta all'altra in preghiera. Ma anche il Bambino addormentato avvolto in un panno nero premonizione che Maria ha del sacrificio del Figlio. Diverso dalla Madonna con bambino di Bartolomeo Suardi detto il Bramantino del Cinquecento, celestiale che Tyche ha utilizzato sugli abiti. Si rivolge a Sant’Antonio «per trovare marito» rivela la giovane (24 anni) Federica Orciani, «perché quando siamo in difficioltà ci riavviciniamo alla religione». Utilizza l’azienda (Orciani, 10 milioni di fatturato) di famiglia per lanciare l’immagine del suo santo preferito su una borsa «preferisco chiamarla tasca o pochette» puntualizza.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • roby blu

    22 Aprile 2014 - 14:02

    moda sacra o il lato sacro della moda??

    Report

    Rispondi

blog