Cerca

Diari d'America

La "sicurezza" di De Blasio: a New York si spara più di prima...

Glauco Maggi

Glauco Maggi

Giornalista a NYC per Libero, autore di Figli&Soldi (2008), Obama Dimezzato (2011). Politica ed economia. Maestri: Hayek, M.Friedman, T.Sowell

La "sicurezza" di De Blasio:  a New York si spara più di prima...

Il sindaco rosso Bill de Blasio aveva impostato la sua campagna elettorale contro la tattica usata dalla polizia di Bloomberg, cosiddetta dello “stop and frisk”, “ferma e perquisisci”, contro i soggetti pericolosi, sospettati di portare addosso armi vietate. Lo scopo era di avere i voti dei liberal e degli attivisti dei diritti civili, che consideravano discriminatoria l’ attivita’ di controllo severo che veniva svolta nella sostanza quasi per intero nei quartieri piu’ a rischio del Bronx e di Broooklyn. E che, di conseguenza, finiva per “fermare e perquisire” in percentuale molti piu’ neri e ispanici che non bianchi. Del resto, proprio le minoranze etniche delle zone degradate sono protagoniste del maggior numero, quasi la totalita’, dei crimini: sia nella veste di colpevoli che in quella delle vittime. Una volta eletto, il sindaco ha dato ordine al suo commissario capo William Bratton, che aveva lavorato con Rudy Giuliani agli inizi del suo primo mandato, di non usare piu’ “stop and frisk”, nella convinzione che non ci sarebbero state conseguenze negative sui livelli di criminalita’ in citta’. Ora, come era inevitabile che accadesse, si cominciano a raccogliere i frutti guasti del cambio di politica. Non era difficile prevederlo, ed era stato anche il leit motive della campagna del repubblicano Joe Lotha: se si smette di tallonare con gli agenti i “poco di buono”, di spaventarli con la concreta possibilita’ di essere stoppati e di essere privati delle pistole illegali e denunciati, che risultati si possono ottenere? Che la malavita riprende a circolare per le strade armata, e a regolare i suoi conti a colpi di rivoltella. Cosi’, nell’ultimo mese, gli “incidenti” risolti con una sparatoria sono balzati del 16% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, da 98 a 114. Notato questo balzo statistico, lo stesso Bratton ha avviato uno studio esteso a tutti i distretti di polizia piu’ critici, e i primi dati sono purtroppo univoci: ovunque, ad una riduzione drastica del numero delle operazioni di “stop ad frisk” corrisponde un aumento significativo degli scontri a fuoco. La tabella pubblicata dal Wall Street Journal (fonti NYPD e NYCLU) vale piu’ di ogni commento. Ecco le cifre, riferite al primo trimestre del 2014 contro il primo trimestre del 2013.

BRONX
Distretto 46 (University Heights) : “stop and frisk” scesi da 307 a 106 (-65,5%), sparatorie balzate da 1 a 7.
Distretto 47 (Woodlawn/Williamsbridge): S&F da 976 a 25 (-97,4%), sparatorie da 7 a 9.
BROOKLYN
Distretto 69 (Canarsie): S&F da 1269 a 11 (-99,1%), sparatorie da 3 a 8.
Distretto 70 (Flatbush /Midwood): S&F da 1057 a 63 (-94%), sparatorie da 3 a 5.
Distretto 73 (Ocean Hill/Brownsville): S&F da 760 a 23 (-97%), sparatorie da 13 a 19.
Distretto 75 (East New York): S&F da 1620 a 47 (-97,1%), sparatorie da 6 a 10.
Distretto 90 (Williamsburg): S&F da 718 a 133 (-81,5%), sparatorie da 2 a 5.
QUEENS
Distretto 113 (Jamaica): S&F da 1229 a 171 (-86,1%), sparatorie da 6 a 10.

I numeri delle sparatorie (aumentate dell’11% da gennaio a marzo) sono la prova che circolano liberamente piu’ pistole in mano ai delinquenti che girano per le strade, contenti della impunita'. Per adesso pare che i malviventi stiano nella grande maggioranza dei casi regolando conti interni, visto che in generale l’insieme dei crimini che emerge nei rapporti di polizia, tra furti, rapine, omicidi, stupri e assalti violenti, e’ ancora in calo (- 2,5%, per un totale di 48.754 casi). Ma diamo tempo al tempo. La sicurezza in tutta la citta’ non puo che essere sempre piu’ a rischio come conseguenza del fatto che ai poliziotti si ordina di chiudere gli occhi per deleteria correttezza politica.

di Glauco Maggi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • biasini

    28 Giugno 2014 - 15:03

    Il solito buonista dl caiser, formatosi alla scuola di J.J, Rousseau (uno degli uomini più deleteri apparsi sulla faccia della terra)

    Report

    Rispondi

blog