Cerca

Era glaciale

Il Sole si sta spegnendo, ecco cosa succederà fra cinque anni

2
Il Sole  si sta spegnendo, ecco cosa succederà fra cinque anni

Il “sole andra’ in letargo” tra il 2020 e il 2030, e in quel periodo la Terra sperimentera’ una “eta’ del ghiaccio”. Una “nuova” eta’ del ghiaccio, va detto, perche’ il fenomeno e’ gia’ successo in precedenza: per esempio tra il 1646 e il 1715, quando il Tamigi era diventato un serpentone di ghiaccio.  Il pittore Abraham Hondius ne ha lasciato una traccia inoppugnabile con il suo dipinto ad olio “Il Tamigi ghiacciato, 1677” che mostra il London Bridge surgelato.

La previsione della prossima miniglaciazione e’ in un recentissimo studio di scienziati specializzati nelle attivita’ solari, presentato a 500 astronomi in occasione di un convegno scientifico in Galles, e riportato dal Dailymail. Il papa e’ stato dunque impaziente con la sua enciclica verde, con cui ha allarmato il mondo sul riscaldamento globale causato dai capitalisti? Di sicuro, i dettagli dello studio, presentato dalla professoressa Valentina Zharkova al Meeting Nazionale di Astronomia che si e’ tenuto a Llandudno, sono piu’ accurati delle proiezioni futuristiche di Al Gore e del panel dell’ONU sul global warming. Anche se costoro sono stati premiati con il Nobel, i loro “modelli” sono stati poi smentiti dalle reali temperature (la crosta della Terra e’ piu’ o meno calda come 16 anni fa, in media). Infatti, i dati di previsione della Zharkova poggiano sulle attivita’ solari avvenute nel passato, ed esse provano una costante ciclicita’. E’ assodato scientificamente che l’attivita’ del sole mostra un comportamento simile ad un pendolo, che va da un estremo all’altro: per attivita’ si intendono le macchie solari e le tempeste solari, e per estremi si intendono le fasi opposte, quella piu’ attiva in cui c’e’ un massimo numero di macchie e di tempeste e quella piu’ tranquilla in cui il loro numero e’ molto basso. Se il sole e’ in frenetica attivita’ riscalda di piu’ la terra, e viceversa se e’ placido.

Gli strumenti telescopici attuali sono sofisticati abbastanza da “fotografare” le diverse fasi di vita del sole, e hanno potuto stabilire i cicli della sua attivita’: il ritmo regolare di ripetitivita’ e’ all’incirca di 11 anni. In un post di Kulvinder Singh Chadha ( http://astronomynow.com/2015/07/09/royal-astronomical-societys-national-astronomy-meeting-2015-report-4/ ) sulla piu’ autorevole rivista inglese di Astronomia, astronomynow.com, gli scettici sugli scettici del ruolo dell’uomo quale fattore decisivo sulle sorti climatiche del pianeta possono conoscere i dettagli scientifici che portano alla conclusione esposta in apertura. Se la loro fede ambientalista nel climate change causato dall’uomo, avallata dalla fede pontificia, non li ha irreparabilmente chiusi ad altre ipotesi di altri studiosi, devono prendere atto che la “scienza del sole” offre risultati eclatanti sulla parte molto piu’ determinante giocata dalla stella a cui la terra deve tanto, anzi tutto, per garantirsi la propria esistenza.

La Zharkova (della Northumbria University) e il suo team di colleghi internazionali (professor Simon Shepherd della  Bradford University, dottoressa Helen Popova della Lomonosov Moscow State University, e dottor Sergei Zarkhov della Hull University) hanno usato le osservazioni ricavate dall’Osservatorio Wilcox Solar in California per studiare i tre cicli solari del periodo che va dal 1976 al 2008. Poi hanno comparato le loro previsioni ai numeri medi delle macchie solari, notando che le loro previsioni e le osservazioni reali hanno una strettissima correlazione, con un tasso di accuratezza del 97%. Da cio’ risulta che la attivita’ solare calera’ del 60% tra una quindicina d’anni,  e il “sonno del sole” che ne derivera’, chissa’, ghiaccera’ ancora il Tamigi. E magari il Tevere a due passi da Piazza San Pietro.

di Glauco Maggi

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • danieledilorenzo5

    29 Marzo 2017 - 12:12

    esiste una rivelazione di Ighina che parla chiaro sul ciclo eco centro del sole centro della terra sicuramente ci sono interferenze in questo segnale quindi le risposte del solo sono dovute anche al dialogo centro terra centro sole scie chimiche e pannelli solari stesi a tappeto sicuramente fanno si che si formino interferenze

    Report

    Rispondi

  • Satanasso

    15 Luglio 2015 - 09:09

    Chissa' da quanto tempo Valentina Zharkova non viene "ripassata" da qualche esuberante cosacco...e i risultati in termini di "minchiate" si vedono ! Pensate alla signora Rottermeier e i danni che ha causato alla povera Clara per colpa della sua inesistente attivita' sessuale...

    Report

    Rispondi

Glauco Maggi

Glauco Maggi

Giornalista a NYC per Libero, autore di Figli&Soldi (2008), Obama Dimezzato (2011), Guadagnare con la crisi (2013), Trump Uno di Noi (2016). Politica ed economia. Autori preferiti: Hayek, M.Friedman, T.Sowell

media