Cerca

Penelope

La doppia morale grillina: il vaffa è giusto, i gestacci no

Scandalizzate contro Barani le senatrici più volgari del Parlamento

5 Ottobre 2015

0
La doppia morale grillina: il vaffa è giusto, i gestacci no

Da donna dovrei scandalizzarmi all'inverosimile e dire che il senatore Lucio Barani è un losco personaggio, misogino e volgare, che non merita di mettere più piede a Palazzo Madama. Invece non lo dirò, non perché io voglia difendere il senatore non più in età adolescenziale, che neppure conosco e che comunque è stato un pollo e ha sbagliato, ma perché bazzicando spesso il Parlamento penso che non sia lui il solo protagonista delle onorevoli oscenità che si vedono in giro. Fa quasi ridere, poi, che a fomentare il coro delle indignate siano esponenti della truppa dei miracolati grillini che si sono fatti largo nella casta a suon di Vaffa, grida isteriche, insulti verso tutti e palate di dito medio alzato contro gli avversari politici. Una su tutte: la simpatica borgatara Paola Taverna, che è passata da gentilezze tipo: io a quello je sputo , riferito all'allora ex premier Berlusconi, a sproloqui al limite della querela contro Renzi e altri del Pd, ma fossero anche Ncd o Fi poco importa: l'importante è fare casino. E dal casino al bordello, agli insulti sessisti, è un attimo: non erano forse gli onorevoli colleghi del Movimento Cinquestelle ad avere dato delle "pompinare" alle deputate Pd nel momento in cui non erano così sensibili al bon ton come oggi, ma si mostravano in tutta la loro infantile aggressività di novizi della politica? I quali, non sapendo come si fa nel Palazzo e quali strategie politiche usare contro gli odiati partiti per farsi notare, hanno iniziato la loro carriera nelle istituzioni con  insulti liberi, parolacce e assalti ai banchi del governo, per non parlare delle palate di minacce e improperi della Rete (filogrillina) contro l'odiata presidente della Camera Laura Boldrini. Ecco, adesso che sono diventati "casta" come gli altri, i Cinquestelle vogliono farci credere di essere educati come lord inglesi e fanno le vittime. Per fortuna che la Taverna gridando a Barani con il suo stile aggraziato ci riporta alla realtà, bordello Senato. Dove ormai puoi far quello che vuoi: al massimo sono 5 giorni di sospensione. 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Brunella Bolloli

Brunella Bolloli

Alessandrina, vivo a Roma dal 2002. Ho cominciato a scrivere a 15 anni su giornali della mia città e, insieme a un gruppo di compagni di liceo, mi dilettavo di mondo giovanile alla radio. Dopo l'università tra Milano e la Francia e un master in Scienze Internazionali, sono capitata a Libero che aveva un anno di vita e cercava giovani un po' pazzi che volessero diventare giornalisti veri. Era il periodo del G8 di Genova, delle Torri Gemelle, della morte di Montanelli: tantissimo lavoro, ma senza fatica perché quando c'è la passione c'è tutto. Volevo fare l'inviata di Esteri, ma a Roma ho scoperto la cronaca cittadina, poi, soprattutto, la politica. Sul blog di Liberoquotidiano.it parlo delle donne di oggi, senza filtri.

media