Cerca

Complimenti per la trasmissione

Ti lascio una canzone, il ritorno della strage degli innocenti

Rientra la Clerici con i suoi bimbi perduti

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...
Ti lascio una canzone 8

Quando, anni fa, affermavo che  Ti lascio una canzone,  nei turgidi sabato sera di Raiuno,  assomigliava più alla strage degli innocenti che ai  colorati musical di Shirley Temple negli anni 30 (ma allora non c’era ancora l’Unicef a tutela dell’infanzia), be’, non avevo ancora due bambini piccoli. Oggi, diomio, è peggio.

Oggi, da padre, per puro scrupolo professionale, con mano tremula e una fiammella di speranza nel cuore,  ho riacceso la tv sullo show della Clerici. Ne ho ricavato due impressioni. Anzi, tre. Prima: Antonella Clerici con l’età sembra regredire. Per un attimo, con quei suoi sorrisi estremi e l’abitino rosso con gonna a fungo che sotto potrebbe nascondere un reattore nucleare, mi ha ricordato in modo impressionante la Scarlet Sterminator «in cerca di scagnozzi» dei Minions; e, per chi non ha visto il cartoon, la cosa non è incoraggiante. Ad osservarla vivevo l’inquieta sensazione che,  mentre le piccole concorrenti -le gemelle Scarpari e Valentina - circondavano Gigi D’Alessio e intonavano Whitney Houston, l’Antonellona, nell’eco d’una risata fragorosa, s’alzasse in  volo all’improvviso sguainando un mitragliatore al plasma. Scarlet, appunto. Seconda impressione: non farei  mai vedere uno show del genere ai miei figli. Ti lascio una canzone è una nemesi biblica,  è più pericoloso di Peppa Pig e della Bellissima di Luchino Visconti messi insieme.

C’è dentro tutto l’armamentario della tv anti-pedagogica. C’è  lo scimmiottamento delle gare tra adulti- look ed espressioni comprese-  e l’ansia delle prestazione (con 4 manches eliminatorie da 3 cantanti ciascuno, una roba che t’infila esausto nel fondo  della notte). C’è la commozione della giurata Cuccarini che cita la nonna, e c’è  la commozione cerebrale  degli spettatori mentre i cantanti vip ospiti   si fanno autopromozione; e   i cantanti piccoli devono per forza dedicar loro una canzone. All’attacco, da parte dei bambini, dei pezzi di Baglioni e Morandi -per non dire del Ricomiciamo di Pappalardo e di Jimmy Fontana- stavo chiamando il Telefono Azzurro e il mio amico Antonio Marziale dell’Osservatorio dei minori, che quando serve non c’è mai. Naturalmente il suddetto discorso vale anche per i programmi omologhi di Mediaset.

  Terza impressione: Antonio Campo Dall’Orto, nuovo dg della Rai, grande stratega televisivo, ha due figli un po’ più grandi  dei miei. La prego direttore, se non per me, lo faccia per questi  bimbi che perdono l’innocenza negli occhi di Frizzi e Massimiliano Pani. Otto anni di Clerici canterina bastano. Qualcuno ribatte: ma da lì, una volta, è uscito Il Volo. Appunto. Una volta, basta e avanza. Che almeno, Erode aveva una strategia. Questi, tra l’altro, si fanno battere sistematicamente dalla De Filippi...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • antoniobaldo

    01 Dicembre 2015 - 07:07

    i bambini sono come gli imbecilli ( beati loro ) si divertono sempre . Complimenti a chi ha scritto la critica...nuda e cruda stile F. Céline .

    Report

    Rispondi

  • heidi33

    06 Ottobre 2015 - 22:10

    ciao a tutti, ti lascio una canzone e un fantastico Programma, e i bambini si divertono cantando.

    Report

    Rispondi

blog