Cerca

Dopo la megapirlata di Giannino

Io voto comunque Fare2013

(e spero pure in Grillo)

Nazzareno Carusi

Nazzareno Carusi

Pianista, nato a Celano, vive a Ravenna per amore. Ha suonato in tutto il mondo e il Washington Post ha recensito un suo concerto come “una serata d'arte mozzafiato”. Fra le istituzioni che lo hanno ospitato ci sono anche il Teatro alla Scala di Milano, la Carnegie Hall di New York, il Teatro Colon di Buenos Aires, il Toronto Centre for the Arts, la Brahms Gesellschaft di Amburgo, la Toyo Hall di Tokyo e la Federation Hall di Melbourne. I suoi dischi sono pubblicati dalla Emi. (foto by Daniele Cipriani)
Io voto comunque Fare2013

A mente un po’ più fredda, non siamo nel Paradiso terrestre, tutti lindi come neve in quota. Allora basta, Giannino ha fatto una pirlata che più pirla non si può, ma finisce là. Perché il gesto di dimettersi è pena sufficiente, a maggior ragione nella politica italiana dove il più pulito c’ha la rogna e il bagno non lo fa praticamente mai.

L’incazzatura è ancora lì, ma si possono onestamente paragonare le balle di Oscar sui suoi studi a diciannove anni (diciannove!) di promesse liberali rimaste carta straccia? E misurare la faccia di lui, che si dimette per un’idiozia senza appello, con quella di chi continua a sostenere (come il Berlusconi cartonato in technicolor) d’avere mantenuto gli impegni, e prende così per i fondelli l’intelligenza di chiunque senza arrossire manco un po’? Se si aggiungono le liste pulite fatte da quel Mastrolindo di Verdini, fra una spartizione in banca col PD e i Razzi e Scilipoti dentro, viene il voltastomaco. Punto. Io, a Ravenna, se votassi PdL promuoverei a statista la Brambilla: ma neanche se mi puntano un fucile addosso…

A sinistra poi, a parte il botto di Svèndola a pranzo con la sua giudice (ma lui dice che “non l’ho mai conosciuta”), quante smacchiate dovrebbero darsi i giaguari di Bersani solo per aver ostacolato in tutti i modi Renzi, il quale però è stato tanto furbo da rimanere a casa, così, alla prima occasione, fa le grandi pulizie e ribalta da capo a piedi l’appartamento? Oppure Ingroia, la cui candidatura è la negazione della separazione dei poteri di quella Costituzione che lui, con quella faccia un po’ così, dice di voler difendere e invece brucia?

Quanto a Monti, la sua porca figura la fa eccome. Ma ha un paio di difetti che non ci si passa su: la Fornero e l’imbarcata di Casini e Fini, tre nulla sotto vuoto spinto. Quindi sì, io voto Fare2013. E confesso di non dover nemmeno turarmi troppo il naso, perché Oscar s’è automesso fuori e lì sembra che resterà, spero non a lungo. Gesto d’espiazione e comunque dignità che, di per sé, è una lezione a tutti i pallonari gonfiati che, col Porcellum, andranno in Parlamento loro, i leccaculi, le mignotte (copyright di Vittorio Feltri) e le panzane spacciate per miracoli.

Chiudo che confesso di sperare pure in Grillo: ha ragione Severgnini, oggi sul Corriere, che con le battute non si governa, ma porterà dentro il Palazzo tanta di quella dinamite da farlo saltare finalmente in aria. A quel punto resteranno in piedi solo quelli che avranno avuto l’umiltà di ammettere le loro colpe, dalle peggiori alle più ridicole. Perché di solito sono questi i più studiosi e i più capaci, quelli che (le balle) càpita a volte di dirle, ma di certo ne posseggono due toste.

Twitter: @NazzarenoCarusi

_____________________________

www.nazzarenocarusi.org
www.facebook.com/nazzarenocarusi
www.youtube.com/nazzarenocarusi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Zorz76

    23 Febbraio 2013 - 11:11

    Di quello che è successo a Giannino, me ne STRASBATTO! Personalmente, dopo aver votato Matteo Renzi alle Primarie del 25/11-02/12/2012, sperando nel cambiamento, mi sono impegnato per il movimento di Oscar Giannino, ho firmato, attaccato manifesti, organizzato un incontro nel mio Paese... Mi sono sputtanato? No, Signori, perchè questa è la mia sola certezza: QUESTO PAESE LE RIFORME LE AVRA'! PER AMORE ... O PER "FORZA"! SE LE VUOLE CON L'AMORE, NON DOVRA' FARE ALTRO CHE VOTARE FARE! SE LE VUOLE "INGOIARE" CON LA "FORZA", DOVRA' SORBIRSI I COLPI DI SCURE E RANDELLATE CHE (MAGARI CON UN ALTRO TECNICO) CI IMPORRA' LA UE, A DISPETTO DI TUTTE LE PROMESSE ELETTORALI IN CAMPO, NESSUNA ESCLUSA!

    Report

    Rispondi

blog