Cerca

Cosa rivela il videomessaggio agli elettori

Il Cavaliere solitario

Silvio non ha nessuno

Nazzareno Carusi

Nazzareno Carusi

Pianista, nato a Celano, vive a Ravenna per amore. Ha suonato in tutto il mondo e il Washington Post ha recensito un suo concerto come “una serata d'arte mozzafiato”. Fra le istituzioni che lo hanno ospitato ci sono anche il Teatro alla Scala di Milano, la Carnegie Hall di New York, il Teatro Colon di Buenos Aires, il Toronto Centre for the Arts, la Brahms Gesellschaft di Amburgo, la Toyo Hall di Tokyo e la Federation Hall di Melbourne. I suoi dischi sono pubblicati dalla Emi. (foto by Daniele Cipriani)
Il Cavaliere solitario

 

 

Ieri, nel videomessaggio di ringraziamento agli elettori, Berlusconi ha detto:  «Sono orgoglioso di questa difficile rincorsa che ci ha portato a cogliere un innegabile risultato politico. Credo di avere mostrato a tutti che è bello battersi per i propri ideali, puntare su proposte concrete, senza mai giocare la carta dell'insulto e dell'odio. Prometto a chi mi ha sostenuto che sarò personalmente e direttamente in campo per far fruttare nell'interesse dell'Italia il consenso di cui sono stato destinatario».

L'avete notato? Parla al singolare. E' lui a essere orgoglioso del risultato e ad avere mostrato che è bello battersi per i propri ideali. Ed è sempre lui a promettere di essere personalmente all'opera.

Sono mesi, l'ultima volta proprio ieri qui su Libero, che dico ai quattro venti che il Cavaliere è un genio e attorno (salvo pochissimissime eccezioni) ha un mucchio di peracottai che non possono dar seguito, per incapacità, ad alcuna delle sue idee.  Su Panorama, l'11 gennaio avevo scritto che "è impressionante aver visto Silvio Berlusconi nella fossa di Santoro, per chiunque sappia qualcosa di tv, politica e non solo. Gesti, parole, ire, sorrisi e perfino svarioni e siparietti: tutto faceva inarrestabilmente ascolto. Quindi, probabilmente, voti. E' stata la più lucida, geniale, folle prova che il PdL non esiste. E fossi Angelino mi darei all'ittica. Ittica, proprio ittica, neanche ippica, perché pescare in riva a un fiume e molto meno complicato di trottare. Il Magnifico ha mostrato, al di là di ogni bene e male, che il partito è lui e basta; e che il problema suo più grande sono tutti gli altri pidiellini, quelli che arrivano loro e gli elettori se la danno a gambe".

Ora l'ha capito anche lui.

Quindi, dopo vent'anni, che sia la volta buona.

 

Twitter: @NazzarenoCarusi

_____________________________

www.nazzarenocarusi.org
www.facebook.com/nazzarenocarusi
www.youtube.com/nazzarenocarusi

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fidelius0

    10 Marzo 2013 - 19:07

    Permette anche di aspettare il cadavere del prorio nemico. fidelius

    Report

    Rispondi

  • adadamiani

    03 Marzo 2013 - 00:12

    e adesso ci si mette anche il pianista a dar lezioni di politica e politichese, l'amico di belpietro, che sembra non essere neppure una cima in fatto di musica. ma per favore!

    Report

    Rispondi

  • emmanuel58

    01 Marzo 2013 - 09:09

    In un attimo è sparito Fare col suo Giannino (ma dai! fatti un vestito vero, gli diceva Crozza-Berlusconi, più vero del vero). Ho trovato la sua scelta di campo anche dopo la figura barbina del leaderino damerino Giannino, che in fondo cosa mai avrà fatto? una sciocchezzuola. Ha truccato il suo curriculum, pare da sempre, proprio egli che era il promotore di un movimento per la meritocrazia. Almeno Berlusconi non chiama il suo partito Il Partito degli Onesti. Mi sorge un dubbio egregio maestro; come mai un aderente del partito di Giannino, Zingales, sputtana il proprio leader una settimana prima delle elezioni? non lo sapeva da prima? Così facendo ha fatto cadere il partito, i cui voti sono andati dritti dritti al PD, che ha ottenuto maggioranza assoluta alla Camera e relativa al Senato. Facciamo un partito noi, caro Carusi, senza scopiazzare ovviamente Grillo e la sua dittatura (l'ho votato solo per vedere l'effetto che fa). I musicisti sono sinceri e onesti, almeno.

    Report

    Rispondi

blog