Cerca

Ci arrivi anche a nuoto

La decrescita in Costa Rica

I pennivenoli non vogliono capire che quando il programma del cittadino Latouche sarà attuato serviranno strutture per trascorrere le 148 ore libere settimanali

Massimo Entropia

Massimo Entropia

Mi chiamo Massimo Entropia e sono un cittadino a Cinque Stelle. Mi hanno eletto alla Camera dei Deputati. Quindi chiamatemi semplicemente "Cittadino 53". Scrivo un blog satirico e forse non esisto, o forse sì
Costa Rica

Decresci anche tu, in Costa Rica

 

(Satira). I pennivendoli se la fanno sotto e ti attaccano, vero Beppe? Ha troppo ragione il cittadino Maurizio, che scrive: "Puntuale ed in perfetto stile bolscevico la grande macchina del fango e della merda si è prontamente attivata, potente e inarrestabile, per tentare di colpire il proprio avversario politico". E mi è piaciuta un sacco anche la difesa del cittadino Bonafede, quello che lotta come un leone per difendere i cessi, che lo ha detto chiaro e tondo: "L'articolo dell'Espresso è un autogol clamoroso". Perché sia un autogol non lo spiega, ma il cittadino Bonafede ha ragione da vendere.

I pennivendoli comunisti attaccano sul cognato, l'autista e il narcotrafficante, ma sono tutte balle. Tutti a intestardirsi sul povero Enrico: ma che c'entrano i tre mesi a Rebibbia con la Costa Rica? Niente! E infatti Rebibbia e la Costa Rica mica mi sembrano così vicine. Eppoi dicono che l'elenco Ocse lo hanno scritto dopo l'inizio di 'sta storia dell'Ecofeudo: "Giornalisti cialtroni e servi del potere, boicottiamo Repubblica e l'Espresso" dice invece il cittadino Maurizio. E ha ragione lui. La colpa non è mica retroattiva, o sbaglio?. Ma poi diciamola tutta, la colpa non c'è proprio. Punto e basta. Beppe lo ha scritto sul blog, riportando stralci dell'intervista di Walter al nostro amico Fatto: "Ma di cosa stiamo parlando?", dice Walter. E ha ragione.

Però, Beppe, secondo me dovevi essere più chiaro, che sennò qui viene fuori un gran casino montato ad arte da 'sti pennivendoli. In parte lo hai spiegato, sempre sul blog, dove hai scritto: "Nell'epoca dello stress e dell'inquinamento cittadino, il progetto EcoFeudo propone un modello di vita immerso nella natura e nel benessere, ma al tempo stesso offre alta tecnologia e massimo comfort (...). Proponiamo abitazioni in armonia con gli equilibri della Terra, di alto livello qualitativo e dal design innovativo". Ecco Beppe, però se mi posso permettere dovresti spiegare anche la vera "ragione" politica dell'EcoFeudo in Costa Rica: la decrescita. Beppe, perché non glielo hai spiegato ai pennivendoli che l'EcoFeudo serve per farci riposare la gente quando non lavora?

Cioè, mi sembra ovvio. Quando avremo il 100% dei voti e in Italia i cittadini lavoreranno - come prevede il programma - 20 ore a settimana, un posto "immerso nella natura e nel benessere" dove svernare (ecocompatibilmente) per le altre 148 ore ce lo devono pure avere. Bastava dirlo, no? Certo, poi tutti stanno a fare le pulci sul Costa Rica. La risposta a chi fa le pulci sul Costa Rica ce l'ha il mio amico Stefano, che non so se ha votato per noi ma secondo me sì, perché di dubbi non ne ha. Infatti mi ha detto: "Ma quant'è bello l'Ecofeudo? Un progetto per tutti, davvero. Egalitario, democratico. Chiunque potrà volare fino al Costarica. E chi non può volare nuoti, per Dio! E che è, solo Grillo sa galleggiare sullo Stretto?". Bravo, Stefano. Diglielo ai pennivendoli e agli ottenebrati che l'Ecofeudo è una grande cosa. Però Beppe, se invece che ribattere punto su punto ai pennivendoli glielo avessi spiegato anche tu che l'EcoFeudo è una grande cosa, ecco, ora nessuno avrebbe più nulla da dire.

Permettimelo - e spero sinceramente di non essere né processato né espulso per vilpendio -, caro Beppe, non sei stato chiarissimo. E così hai lasciato alibi a senzacervello come il mio amico Andrea, che per quel che mi riguarda non è neanche più mio amico, e che sghignazzava e diceva che voler aiutare il Costa Rica con un resort (o quel che è) è come voler aiutare il Ruanda puntando tutto sul terziario. Io non lo so se il mio amico o ex amico Andrea vota per noi, però secondo me ci stava sfottendo e quindi vota o per Gargamella o per lo Psiconano. Fatti suoi. Tanto io so dove sta il giusto. Però Beppe tu lo devi dire chiaro e tondo, anche se con i pennivendoli italiani non ci vuoi parlare, sennò qui è tutto un gran casino. Come spiega il cittadino Latouche (che non ha nulla a che fare col rubgy, me lo ha detto il cittadino Pepe) la decrescita è il futuro, e il futuro è anche in Costa Rica. Altro che autisti, cognate, narcotrafficanti e "sociedad anonima" (tra l'altro, a me che sono un po' comunista anche se la cittadina Roberta non è contenta, 'sto "sociedad anonima", un po spagnoleggiante, mi piace tanto e mi ricorda Cuba e il collettivo Camilo Cienfuegos). Parliamo di cose serie, insomma. Parliamo della decrescita e di come attuarla. Certo, per ora siamo agli inizi, ma sono sicuro che Beppe e Gian, con l'aiuto del Costa Rica, troveranno la quadra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog