Cerca

Armonia

"Il mio pensiero non esiste"

Il lavoro di Byoblu e Martinelli funziona e i pennivendoli restano spiazzati. Ma qui "uno" vale sempre "uno": nessuno ci costringe ad adottare un alveare

Massimo Entropia

Massimo Entropia

Mi chiamo Massimo Entropia e sono un cittadino a Cinque Stelle. Mi hanno eletto alla Camera dei Deputati. Quindi chiamatemi semplicemente "Cittadino 53". Scrivo un blog satirico e forse non esisto, o forse sì
Alveare

L'alveare che ho adottato a distanza

 

(Satira). Beppe si è calmato. I traditori non li caccia. Io, sinceramente, non sono molto d'accordo. Ma d'altronde quello sul Grasso gargamellato era un po' il primo voto serio. Dobbiamo ancora farci le ossa. Lo ha detto anche il cittadino capogruppo rotante Vito Crimi, che si è detto sicuro del fatto che scaleremo l'Everest con le infradito. Nel caso fossi chiamato a partecipare alla delegazione scalatrice, arrivato sul cucuzzolo dell'Everest pianterò un banano a chilometro zero. Questo è il mio proposito. Ma restiamo sui fatti, che la situazione "politica" è convulsa. I giochi sono iniziati. Si balla. Mia moglie è infuriata perché sono sempre in assemblea e non la vedo mai mentre i miei ex colleghi della TechFreedom di Fossombrone mi mandano un sacco di email di sostegno. La cittadina capogruppo rotante Roberta Lombardi è agguerrtissima: ha scritto sul blog di Beppe che vuole giunte, questori e rendicontare pure le caramelle. Qualcuno l'ha sentita dire "potevo sprangare il Parlamento, ma non l'ho fatto". 

Ma la vera novità delle ultime ore sono i due cittadini-consulenti per la comunicazione nominati da Beppe e Gian. Più da Gian, in verità. Due grandissimi. Byoblu e Martinelli. Il primo è senza macchia: ha sempre scritto soltanto sul suo blog dove puoi leggere delle teorie economiche interessantissime che piacciono tanto al ministro in pectore della Decrescita felice, il professor cittadino Paolo Becchi. Il secondo, invece, ha qualche ombra nel passato: ha scritto per il Fatto, l'unico giornale che possiamo leggere ma che ha un difetto terribile, è di carta. Eppoi Martinelli ha scritto anche per il blog di Antonio Di Pietro. Ok, va bene, Tonino è il meno peggio e Beppe infatti lo vuole al posto dello zombie Napolitano, però ho qualche dubbio sul fatto che un cittadino Cinque Stelle possa avere avuto a che fare con la "vecchia politica". Comunque meglio non pensare a queste quisquillie (si scrive così, no?). I pennivendoli hanno iniziato subito a parlare dei due "censori", delle "badanti", del "megafono di Beppe e Gian", di un "duopolio per sopprimere il pensiero individuale". Solito fango. Solite balle. Sono qui solo per aiutarci a combattere il sistema degli zombie e a difenderci dai pennivendoli.

Il cittadino Byoblu lo ho spiegato chiaro e tondo (però lo ha fatto al Corriere dalla Sera degli zombie, e non so mica se il regolamento lo permette. Però non proporrò alcuna espulsione che non vorrei inimicarmi Gian, che è ancora molto arrabbiato con i traditori e con il suo avatar di Second Life ora, su Pandora, li sta costringendo a mangiare carne bovina a chilometro mille). Byoblu ha detto: "Mi ha voluto Gian. La mia nomina non è un commissariamento del cittadino capogruppo rotante Crimi. Era tutto previsto. Ma visto il macello che è successo prima e dopo la votazione del Grasso gargamellato abbiamo anticipato i tempi. Il team avrà un ruolo di armonizzazione delle posizioni". Chiaro, pennivendoli? Qui si tratta di armonia, di pace, di serenità. Infatti, in nome dell'armonia, Byoblu ci ha suggerito di fare come Gian, di adottare a distanza un alveare "controllandolo con una webcam" per poi "comprare i prodotti direttamente da chi li coltiva". Un diversivo per l'armonia, insomma, e per pensare meno alla politica e ai pennivendoli. Gian, ho appena adottato un alveare (quello nella foto).

Il cittadino Martinelli - che è amico di Tonino e si vede, e così, che ci sta sempre bene, appena nominato ha definito in nome dell'armonia "pagliacci" tutti quelli del piddielle - ha spiegato: "Sarò commissario nel senso che cercherò di evitare che si presti il fianco ad attacchi strumentali dei pennivendoli. I cittadini sono acqua e sapone, digiuni di stampa, e poi magari l'ingenuità..." (ci frega, l'ingenuità intendo, mica Martinelli). "Qualcuno può peccare di ingenuità e cadere nelle trappole di chi vuole sputtanarlo. Lavorerò per una comunicazione trasparente e chiara per evitare gli attacchi strumentali che sta subendo il MoVimento".

Mi hanno detto che i cittadini Byoblu e Martinelli hanno iniziato una serie di colloqui individuali con i cittadini eletti per istruirli sulla comunicazione trasparente. Non so ancora quando sarà il mio turno. Il cittadino Andrea Cioffi li ha già incontrati. Purtroppo non ho ancora avuto occasione di parlargli e chiedergli come è andata, ma ho visto che ha rilasciato una dichiarazione ai pennivendoli di Formigli. Gli chiedevano un parere sulle possibili espulsioni di chi ha votato il Grasso gargamellato. Il cittadino Cioffi ha risposto: "La mia opinione non esiste". Così, con armonia. Con trasparenza. Il lavoro dei cittadini Byoblu e Martinelli funziona. E non venitemi a dire che se "uno vale uno" allora "uno" deve pure avercela un'opinione. Perché, cari pennivendoli, noi le nostre opinioni e le nostre libertà ce le abbiamo. Gian, infatti, mica ci obbliga ad adottare un alveare a distanza, chiaro? La mia è stata una scelta autonoma. Eppoi su 'sta questione degli alveari, se per essere veri cittadini fosse necessario adottarne uno, sono sicuro, Beppe e Gian ci direbbero come fare e troverebbero la quadra.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog