Cerca

Durante le finali Nba 1997

«Altro che febbre, Jordan fu avvelenato»

In quella che è passata alla storia come "The Flu Game" contro gli Utah Jazz, il numero 23 dei Chicago Bulls sarebbe stato vittima di un'intossicazione, secondo quanto racconta il suo personal trainer. Ma vinse comunque

Sportin' Usa

Sportin' Usa

«Altro che febbre, Jordan fu avvelenato»

Per anni abbiamo sbagliato nome: quella di Michael Jordan contro gli Utah Jazz dell'11 giugno 1998 non è "The Flu Game", la "Gara dell'Influenza". No, nella storica gara 5 delle finali Nba 1998, in cui il numero 23 dei Chicago Bulls dette spettacolo (38 punt, 7 rimbalzi, 5 assist e 3 palle rubate) nonostante fosse visibilmente debiltato, Jordan stava male in seguito ad un "avvelenamento". A rivelarlo ai microfoni di Espn è stato Tim Grover, al tempo personal trainer di Michael. Tutta colpa di un attaco di fame improvviso e di una pizza ordinata la sera prima della gara. Grover era in camera con Jordan e altri giocatori, appena arrivate le pizze racconta di aver detto: «Ho un terribile presentimento», riferendosi ad un probabile scherzo di qualche tifosi avversario. Tutti si fermano, tranne Jordan, che divora la sua. «Verso le due di notte mi chiamano dalla sua stanza - racconta Grover -. Lo trovo sul letto in posizione fetale e immediatamente capisco che non si tratta di febbre, ma di intossicazione alimentare». Michael non si regge in piedi, continua ad avere dolori allo stomaco e nausea, sembra impossibile possa giocare. Invece entra regolarmente in campo, anche perché la partita è di quelle decisive: la serie contro i Jazz era sul 2-2, i Bulls avevano sprecato un vantaggio di 2-0 e non potevano permettersi di perdere. Jordan lo sapeva, infatti trascinò regolarmente i suoi alla vittoria con l'ennesima grande prestazione, finendo poi sfinito e quasi incapace di camminare tra le braccia del compagno Scottie Pippen. In quella che probabilmente resterà la sua migliore partita di sempre. 

Non male per uno che era stato avvelenato la sera prima. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog