Cerca

Complimenti per la trasmissione

La parodia di Crimi e Lombardi più vera della realtà

Le nuove imitazioni del M5S a Glob

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...
crimi e lombradi in parodia
Sostiene Vito, in camicia bianca da Pulcinella timido, con lieve principio di scabbia alle mani che induce al prurito -fisico e ideologico- “Noi, in questa cameretta, siamo in quindici che dormiamo in cinque a turni di due..”. Aggiunge Roberta la cupa, in tailleurino griffato Zara: “ Ogni cittadino dorme in streaming, potete monitorarlo”.
La voce estenuata della democrazia diretta. Vito Crimi e Roberta Lombardi, portavoce e capigruppo a tempo determinato del Movimento 5 Stelle, vengono così parodiati, per la prima volta, in televisione, in un’accesa parentesi di Glob (Raitre, venerdì ore 22.50) da due attori strepitosi, Brenda Lodigiani e Andrea Sambucco. Il programma dell’esperto di marketing Enrico Bertolino si butta per primo come un rapace sulla coppia grillina e la rende squisito materiale di satira. Non che i due parlamentari d’ispirazione francescana - Roberta la gaffeur o Vito “lo smentito” l’incerto senatore somigliantissimo all’attore Paul Giammatti e sistemanticamente redarguito da Grillo- non siano in grado, da soli, di fornire spunti epici di sceneggiatura. Qui, la coppia viene rappresentata nella camera di una pensioncina, e ironicamente introdotti da Bertolino: “ ...mi sembra più a due stelle che cinque stelle, comunque vi ringrazio per la disponibilità ad una tv locale non turca o lituana o afghana”, tanto per pestare sull’idiosincrasia del M5S alla libera stampa. Dopodiché, è  tutt’un botta -e-risposta fra la Lombardi versione sadomaso che smentisce sistematicamente Crimi, lo sevizia, lo artiglia e lo carezza addirittura a cinghiate per essersi concesso uno spiraglio d’inciucio col centrosinistra e per aver confuso il termine  “onorevole” col termine “cittadino”. In una tempesta perfetta di cafoneria e surrealtà, ecco che dall’alto, circonfuso da luce divina interviene Beppe Grillo che manda affanculo il conduttore. La frase ricorrente nello sketch, il mantra della nuova politica  ma questo è normale, ci siamo scordati della normalità...”
E, in realtà, il suddetto siparietto (ben scritto) che richiama ora certi pezzi politici di Alighiero Noschese ora quelli di Marcorè ricorda che appena entri nel sistema, entri nel mirino. Normalità...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog