Cerca

Press

Vi spiego perché Grillo ha parlato con 'La Stampa' e mica con gli altri

Basta con le interviste in Micronesia, Cabinda e San Marino. Beppe si concede all'italico quotidiano, l'unica scelta possibile

Massimo Entropia

Massimo Entropia

Mi chiamo Massimo Entropia e sono un cittadino a Cinque Stelle. Mi hanno eletto alla Camera dei Deputati. Quindi chiamatemi semplicemente "Cittadino 53". Scrivo un blog satirico e forse non esisto, o forse sì
Ecco perché Beppe non parla con

Ecco perché Beppe non parla con

(Satira). Basta con Cile, Sudafrica, Micronesia, Argentina e pampa, Brasile e vuvuzela, Svizzera e cucù, Zimbawe, Rwanda, Cabinda e San Marino. Beppe parla anche con i pennivendoli italiani. Certo, il cittadino Iacoboni non è mica come tutti gli altri pennivendoli zombie e puzzoni e corrotti e collusi. E' un signor giornalista. Anche per questo motivo Beppe si è fatto intervistare. Gran bella intervista, tra l'altro. Lo hanno detto tutti i cittadini e i cinguettanti pentastellati sul twitter. Beppe ha spiegato chiaro e tondo che contro lo Psiconano ci siamo solo noi e che la polizia, mica quella postale, ma quella vera e propria, ci controlla i server(s) proprio come l'agente Smith di Matrix(s) e che prima o poi ce li chiudono, i server(s), e privatizzano la RETE proprio come l'Eni. Il cittadino Iacoboni ha fatto il suo dovere. Beppe ha detto la sua. Epperò tutti i lealisti del regime della Casta e tutti i pennivendoli invidiosi hanno iniziato a sbertucciare Beppe: "Parla col quotidiano della Fiat", "si è venduto a Montezemolo", "rilascia l'intervista al giornale pro-Tav che vuole il trenino veloce e odia il calesse", "e che è, quelli non sono forse pennivendoli?", "Beppe è circondato e s'inchina al padrone Marchionne" eccettera eccetera. Balle, "cari" lealisti e pennivendoli di regime. Tutte balle. Beppe ha rilasciato l'intervista in primis perché il cittadino Iacoboni è bravo bravo, ma soprattutto perché il quotidiano è La Stampa. Un bel nome generico, omnicomprensivo, democratico, egalitario come la RETE. Un nome egalitario proprio come la parola "cittadini" oppure "MoVimento". Parole pulite, mica colluse e corrotte. Mica poteva parlare con Libero, per esempio, che è un aggettivo farlocco, che non sono mica Liberi ma innamorati dello Psiconano. Mica poteva parlare con l'Unità, che non so mica cos'è (né aggettivo né nome, forse solo un concetto) ma che ci odia come Libero e ama Epifanio e Gargamella e Baffino e chi per loro. Secondo voi poteva parlare col Corriere della Sera, La Gazzetta o qualunque Gazzettino o il Messaggero? Siate seri, sono parole arcaiche, morte, superate, tutto il contrario della RETE e del Movimento. Certo, anche La Stampa è un po' superata perché tanto la carta verrà presto abolita, ma La Stampa può benissimo essere anche soltanto online. Beppe poteva forse parlare con La Repubblica, altro concetto ammuffito e che verrà surclassato e umiliato dalla RETE? Dai, siate seri. Poteva parlare con Il Foglio, che a livello concettuale è solo carta e niente web proprio come Il Giornale? O col Sole 24 Ore che è uno spreco energetico lapalissiano? O col Mattino che finisce subito o col Fatto che l'aveva già Fatto o con La Padania che è in netta contrapposizione con Gaia e Pandora? Dai, siate seri cari schiavi di regime e pennivenoli. Restava solo La Stampa. Non venitemi a fare storie sulla Fiat, Montezuma, il padrone Marchionne e il trenino veloce. Non copritevi di ridicolo.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog