Cerca

i mazziniani

Viva la Rai! Se il consigliere di amministrazione fa anche il critico televisivo

Benedetta Tobagi stronca il programma di Nicola Porro(Virus) dopo la prima puntata! Peccato che lei amministra l'azienda

Enrico Paoli

Enrico Paoli

Toscano di nascita, ma romano di adozione (e vocazione) ha iniziato a "imbrattare" pagine al Tirreno di Livorno, scrivendo di sport e spettacoli, passando poi alla Nazione di Firenze. Prima di approdare al Giornale, (edizione toscana) si è divertito lavorando in radio (una passione che non accenna a diminuire nonostante gli anni). A Libero sono arrivato quasi dieci anni fa, per "colpa" di Feltri, transitando per la cronaca di Roma, che ho guidato sino al 2007. Da allora ad oggi politica e Rai.... quanto basta per non annoiarsi....

enrico.paoli@liberoquotidiano.it

Benedetta Tobagi e Nicola Porro

il conduttore di Rai Due stroncato dal membro del Cda

Così, a pelle diciamo, la prima cosa che ti viene da pensare, leggendo la stroncatura di un programma della Rai da parte di un  consigliere di amministrazione dell’azienda televisiva, è che sputare nel piatto dove mangi non è bello. Specie se ci mangi i contumacia. Perché Benedetta Tobagi, consigliera di amministrazione della Rai, nemmeno si prende l’incomodo di andare a Roma  quando ci sono le sedute del Cda, preferendo prendervi parte via telefono. Nelle ultime tre riunioni è successo così con l'altro consigliere in quota Pd, l’ex pm Gherardo Colombo a contestare tutto in loco, e la Tobagi a darle manforte in vivavoce.

Sul sito on line Valigia blu ha confezionato una dura critica al vetriolo nei confronti di Nicola Porro, fresco conduttore di Rai Due, rete sulla quale ha debuttato mercoledì scorso con il programma Virus, nemmeno fosse in critico televisivo di professione. «Per carità, è fisiologico e naturale che un programma, quando prende forma sul teleschermo», scrive la Tobagi sul sito, «si trasformi rispetto all’idea originaria», ma «è questo il nuovo canone dell’approfondimento giornalistico di prima serata dell’azienda di servizio pubblico? Per “racconto della realtà”, in una congiuntura economica, politica e sociale complessa come quella che stiamo vivendo, si intende l’importazione in tv del “retroscena?”», si domanda e chiede la consigliera di amministrazione della tv pubblica, «in studio, un panel di quattro ospiti, nella più ordinaria, vetusta e consolidata tradizione del talk show. Volti peraltro ben noti al pubblico di simili trasmissioni (gli ospiti erano l’ex premier Mario Monti, il leader del Pd Guglielmo Epifani, il direttore deIl Giornale Vittorio Feltri e il vicedirettore di Repubblica Massimo Gianninindr). Il (consueto) giro di opinioni. Volendo essere gentili, potremmo limitarci a commentare: già visto». D’accordo, si sarà pure trattato di un déjà vu, e gli ascolti non saranno stati un granché. Ma visto che affronta il tema come un critico televisivo, e non come un consigliere di amministrazione, che ne dice di Ballarò, dove Giovanni Floris ama poter contare sulla sua compagnia di giro o di Agorà dove la tendenza sinistra è manifesta da tempo? E poi per quale ragione l’amministratrice della tv pubblica  non ha esternato pensieri e parole in consiglio di amministrazione dove si sarebbe confrontata con il direttore generale Luigi Gubitosi? Certo, la Tobagi ha votato contro i palinsesti autunnali, ma non c’è traccia di niet su quelli attualmente in onda. Virus sarà anche partito male, il 6% di share è la soglia minima per restare in piedi. Ma va detto che Rai Due sta facendo uno sforzo notevole per non indurci a riproporre articoli e titoli per ricordare ai telespettatori, e ai lettori,  come la tv di Stato, d’estate, avesse l’abitudine di andare in vacanza, assomigliando ad una «scuola elementare», come ha più volte dettoEnrico Mentana, al quale piace tanto esporre il cartello aperti per ferie. La7 e il suo Tg non vanno al mare, vanno in trincea. Questa volta nemmeno Rai Due chiude per ferie, ma rafforza la produzione anche in estate per testare nuovi linguaggi e format per il prossimo autunno. E un Virus, forse, è sempre meglio della centesima replica del centesimo film di magazzino. In bianco e nero.  Avvertite la nuova critica televisiva, per favore.

di Enrico Paoli

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • SelviLuciano

    19 Maggio 2016 - 07:07

    La signora benedettaTobagi ci dice che stipendio percepisce , dato che sono obbligato a pagare il suo stipendio? vorrei sapere dalla signora come è stata assunta in rai? dato che tanti ragazzi laureati non sanno dove sbattere la testa perché non trovano lavoro .Forse Lei ha avuto la grazia dalle divinità

    Report

    Rispondi

  • contenextus

    13 Maggio 2016 - 14:02

    La rai è un verminaio politico. Porro sembra un liberale. Che ci fa in un posto del genere?

    Report

    Rispondi

  • Karl Oscar

    10 Maggio 2016 - 15:03

    come si permette questo sig Porro di condurre un programma che non sia di REGIME. il partito democratico è tanto partito ,ma non democratico meglio sarebbe stato luxxuria Vladimiro lui....(o lei Booo !!)che si ....che si china alle direttive

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    08 Maggio 2016 - 12:12

    Virus virale è il programma di chi è ultrafinito. Nostalgia, Porro?

    Report

    Rispondi

    • sipa1932

      13 Maggio 2016 - 16:04

      quando hanno ucciso W.Tobagi non hanno spiegato alla figlia che era stati I Rossi? cioe' I comunisti? cioe' gli amici del Pd? quelli di cui Lei stessa fa parte?

      Report

      Rispondi

Mostra più commenti

blog