Cerca

i mazziniani

Dalla guerra legale con Augusto Minzolini a New York. Tiziana Ferrario lascia Roma e si trasferisce nella grande Mela. Far causa porta bene...

La giornalista ha "accettato" il posto di corrispondente, dopo aver provato per due mesi

L'ex conduttrice dell'edizione delle venti, per 28 anni in video, era stata spostata ad altro incarico dall'ex direttore, oggi senatore di Forza Italia. Per la telediva era stato un atto di emarginazione politica....
Enrico Paoli

Enrico Paoli

Toscano di nascita, ma romano di adozione (e vocazione) ha iniziato a "imbrattare" pagine al Tirreno di Livorno, scrivendo di sport e spettacoli, passando poi alla Nazione di Firenze. Prima di approdare al Giornale, (edizione toscana) si è divertito lavorando in radio (una passione che non accenna a diminuire nonostante gli anni). A Libero sono arrivato quasi dieci anni fa, per "colpa" di Feltri, transitando per la cronaca di Roma, che ho guidato sino al 2007. Da allora ad oggi politica e Rai.... quanto basta per non annoiarsi....

enrico.paoli@liberoquotidiano.it

tiziana ferrario, ex conduttrice del Tg1, lascia Roma per andare a New York

Dopo la rimozione ha denunciato ;Minzolini, rinviato a giudizio per abuso d'ufficio

E alla fine, come nelle favole, il bel posto al sole è arrivato. Tiziana Ferrario, l'ex conduttrice del Tg1 delle venti che ha deciso di trascinare in tribunale l'ex direttore Augusto Minzolini per la sola ragione di averla destinata ad altro incarico, ha accetto di trasferirsi a New York, dove andrà ad occupare il posto di corrispondente.

Quella della Grande Mela è una delle sedi più prestigiose della Rai, sia dal punta professionale che economico, e non a tutti capita questa fortuna. Altro che demansionamento e «mancanza di rispetto», come ha scritto su Twitter la Ferrario nel giorno in cui il tribunale di Roma ha deciso il rinvio a giudizio di Minzolini, oggi senatore di Forza Italia. Il pubblico ministero Sergio Colaiocco ha chiesto il processo per l'ex direttore del Tg1 relativamente alla vicenda della rimozione dalla conduzione del Tg1 delle 20 della giornalista, in video da 28 anni, senza attribuirle un incarico equivalente. Minzolini, all'epoca dei fatti alla guida dell'ammiraglia dell'informazione della Rai, è accusato di abuso d'ufficio. La Ferrario, infatti, ha sempre sostenuto di essere stata «emarginata». Un particolare, questo, che Minzolini ha sempre rigettato. «La Ferrario non è stata emarginata», afferma l'ex direttore dei Tg1, in una lunga intervista concessa al quotidiano on line Giornalettismo, «o almeno ho cercato di non emarginarla. Al momento della sostituzione nella mansione di conduttore, perché la conduzione, sia chiaro, è una mansione non un incarico», spiega Minzolini, «gli promisi un ruolo che farebbe felice ogni giornalista: l'inviata per i grandi eventi. Visto che in quei giorni c'erano stati gli attentati alla metropolitana di Mosca, gli chiesi di fare un'inchiesta sul terrorismo fondamentalista a Mosca, mi rispose che era in ferie (c'è la documentazione). Poi gli chiesi di andare in Iran per la primavera iraniana», racconta il senatore di Forza Italia, «mi rispose che non era riuscita ad avere il visto». Niente, nulla da fare, per la Ferrario era più importante dare battaglia, anche legale, al direttore Minzolini.

Il quale, non volendo creare precedenti accettò il fatto che la Ferrario andasse per un periodo a New York a sostituire il corrispondente. «Visto che, almeno con me, non era per nulla collaborativa», racconta ancora Minzolini, «non mi ha mai fatto una proposta di lavoro, chessò un servizio, un'inchiesta come normalmente fanno gli inviati, chiesi che fosse l'azienda a trattare direttamente con lei. O comunque di fare da tramite. Così la Rai gli propose di fare la corrispondente a Madrid. La risposta fu che non poteva assumere quell'incarico perché la mamma, che risiedeva a Milano, stava poco bene. Allora gli fu proposto di fare il caporedattore ad personam a Milano. La risposta fu che quell'incarico non le piaceva. Per cui alla fine, di comune accordo con la Rai, decidemmo di promuoverla caporedattore (dal '94 la Ferrario ricopriva l'incarico di vicecaporedattore) e di metterla al mattino». Dopo 17 anni viene promossa da Minzolini, non da altri. Il problema è che «lei usa sempre l'argomento che ha pagato per le sue posizioni politiche»; dice l'ex direttore del Tg1. Infine il salto oltre l'oceano. L'attuale direttore, Mario Orfeo, gli aveva già proposto l'incarico di corrispondente negli Usa. Lei è stata dall'altra parte dell'Atlantico due mesi, ma alla fine ha rifiutato. Pare, gossip puro però, che non le piacesse la casa. Evidentemente deve aver cambiato idea. «Vede, io non mi scandalizzo visto che la Ferrario è affetta da una patologia che colpisce molta gente in Rai», chiosa Minzolini, la sindrome da video». E sì, brutta bestia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • numetutelare

    24 Novembre 2013 - 12:12

    Non ci liberiamo di queste parassite nemmeno se le estradiamo professionalmente (qualcuno ci dirà prima o poi cosa fanno veramente con la parte cerebrale...)

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    24 Novembre 2013 - 11:11

    @silvy1 giusto , mi hai fatto ridere , ci avevo pensato ma poi non lo ho scritto . ciao

    Report

    Rispondi

  • cavallotrotto

    24 Novembre 2013 - 10:10

    e dobbiamo sorbirci queste oche da strapazzo ? non so come si chiama , ma è una finta bionda con capigliatura lunga come si usava 50 anni fa , faceva la presentatrice , faccia rifatta ovviamente , parla come si usava 50 anni fa , oggi diresti che parla come una cretina , fatto causa perché le hanno tolto il video annunci programmi , e ha vinto , e quando mai , e l'hanno pure pagata . ora mi chiedo se non fosse ora che la rai venisse privatizzata , si togliesse la vergogna del canone . vede signor paoli , io ho una pensione di 700 euro ovvero 10000 euro lordi all'anno . non ho la tv perché portata in discarica . ho mandato tutta la documentazione alla rai , sono stata ad abitare da mia sorella che paga il canone . bene , ci crede che hanno avuto la faccia rotta di minacciarmi se non pago il canone del 2013 ? ho pagato solo perché ho intestato a me il monolocale in cui vivevo .e quanti come non possono pagare il canone ? tanti .mi dica lei se la rai non fa schifo a tutti ?

    Report

    Rispondi

  • silvy1

    24 Novembre 2013 - 09:09

    Non solo fare causa porta bene......ma anche qualche altra cosa......

    Report

    Rispondi

blog