Cerca

Informazione

Breitbart News Network, il colosso del web che vuole portare il Tea Party in Europa

Il gruppo editoriale conservatore è sopravvissuto alla morte improvvisa del fondatore, e ora si espande (ispirandosi al democratico Huffington Post)

Glauco Maggi

Glauco Maggi

Giornalista a NYC per Libero, autore di Figli&Soldi (2008), Obama Dimezzato (2011). Politica ed economia. Maestri: Hayek, M.Friedman, T.Sowell

Breitbart News Network, il colosso del web che vuole portare il Tea Party in Europa

Il gruppo editoriale online americano Breitbart News Network (BNN), di netto orientamento conservatore, e’ sopravvissuto cosi’ bene alla morte improvvisa del suo fondatore Andrew Breitbart, due anni fa quando era ancora giovane, che ieri ha annunciato l’apertura di due altre redazioni in Texas e a Londra in aggiunta a quella centrale nella capitale Usa. E il network di notizie, che comprende siti dai nomi indicativi della sua linea come Big Government, Big Hollywood  e Big Journalism, non fa mistero di volersi proporre come testata globale, diffondendo il marchio e la presenza sul maggior numero di piazze possibili. L’esempio di riferimento della strategia di crescita internazionale e’ fornito dal sito politicamente agli antipodi di Breitbart, il liberal Huffington Post di Arianna Huffington, che e’ tra l’altro presente da tempo anche sul mercato delle news italiane.  

Al momento BNN  impiega 25 giornalisti, che cresceranno a 37 con la dozzina di assunzioni previste per le due prime nuove sedi. Stephen K. Bannon, il presidente esecutivo di BNN, ha detto che la scelta delle regioni in cui espandersi e’ legata a due battaglie politiche e culturali che stanno ora molto a cuore ai conservatori di quelle aree. In Texas c’e’ da respingere l’attacco che i Democratici vorrebbero portare fin dalle prossime elezioni di novembre ai repubblicani sotto lo slogan “Far diventare il Texas blu” (blu e’ il colore tradizionale elettorale attribuito ai democratici, contro il rosso del GOP) . Per respingere l’offensiva e mantenere rosso il Texas BNN ha trovato tra i sostenitori locali repubblicani e dei Tea Party i finanziatori necessari a creare la redazione nello Stato di George Bush e di Rick Perry. La mossa su Londra e’ invece finalizzata ad appoggiare la discesa in campo dei gruppi dei Tea Party europei che vogliono fare l’esordio alle prossime elezioni di maggio per il parlamento del Vecchio Continente.  A guidare la redazione inglese sara’ James Delingpole, gia’ commentatore per il The Daily Telegraph, celebre per i suoi articoli contro la religione del Global Warming, e da Raheem Kassam, fondatore del sito conservatore di news inglese TrendingCentral.com dedicato ai paesi di lingua inglese. Chissa’ se questa notizia della strategia di allargamento internazionale del Breitbart News Network all’Europa destera’ un interesse nei gruppi politici e nei Blog dei Tea Party italiani per sviluppare qualche futura collaborazione per il pubblico dello Stivale…  

Il Breitbart Network si e’ conquistato un nome negli Usa tra i siti di destra (i due altri siti di maggior peso sono The Blaze diretto da Glenn Beck e The Daily Caller, fondato da Tucker Carlson, ospite fisso del Fox News Channel) quando ha fatto lo scoop delle foto osee’, in mutande, mandate via twitter dal deputato democratico Anthony Wiener a centinaia di proprie “fans”, alcune minorenni. Lo scandalo stronco’ la carriera di Wiener, che si dovette dimettere da deputato a Washington,  ma la campagna contro di lui, condotta con insistenza e in esclusiva prima di essere rilanciata dalla grande stampa, promosse il sito e il brand Breitbart tra il grande pubblico, con un enorme successo tra i conservatori. Le sue notizie originali e fuori dal mainstream sono sempre rilanciate da The Drudge Report, sito online di gossip politico tra i piu’ seguiti.

di Glauco Maggi
@GlaucoMaggi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog