Cerca

Penelope

Grilline zitte sulla sindaca di Quarto

Rosa Capuozzo non ha ricevuto una sola parola di sostegno dalle parlamentari del suo (ormai ex) Movimento

16 Gennaio 2016

1
Abbandonata dai capi

Rosa Capuozzo è il sindaco di Quarto Flegreo

Che Movimento democratico è quello in cui, al più piccolo accenno di polemica, vengono espulsi gli eletti senza neppure fare votare la Rete? E che Movimento democratico è quello in cui Casaleggio e Grillo decidono a tavolino a Milano la cacciata del sindaco di Quarto, Rosa Capuozzo, e tutti i parlamentari si allineano zitti e mosca? Crolla nei sondaggi la pattuglia grillina, inciampata nel trappolone ordito dal Pd che ha più indagati di tutti, ma fa tanto chiasso sulle inchieste degli avversari. A poco servono le difese d'ufficio dei tre "machi" del direttorio (Di Battista, Fico e Di Maio) spediti in tv a ripetere il solito ritornello: <L'onestà prima di tutto. Con l'espulsione della Capuozzo dimostriamo che la camorra con noi non ottiene niente>. In realtà pesa molto di più l'assenza di difesa della propria amministratrice che, avrà pure omesso qualche particolare importante, ma ancora non risulta indagata nonostante gli sforzi di tutti per cercare di trovarla in castagna. Oggi hanno indagato il marito, che però non è il sindaco di Quarto e non si chiama Rosa Capuozzo. Lei? Niente. E' sempre <parte lesa>. Eppure l'hanno cacciata, da Grillo neanche una telefonata di circostanza, non parliamo poi del guru Casaleggio. Loro parlano solo con i loro protetti. Le ragazze non hanno diritto di parola nel M5S? Tutte fifone altrimenti subiscono il metodo Salsi o il metodo Fucksia?

Triste un Movimento che si professa democratico e poi mette il silenziatore alle sue donne.  

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • renzomarrucci

    22 Gennaio 2016 - 12:12

    Un errore delle faccette pentastellate conmpreso il vate e la badessa... aria sinistria tira tra le file di un movimento che partito in movimento e spesso si muove troppo e non convice... è come se mancasse una rota... invece dei fichi ci vogliono le banane ??

    Report

    Rispondi

Brunella Bolloli

Brunella Bolloli

Alessandrina, vivo a Roma dal 2002. Ho cominciato a scrivere a 15 anni su giornali della mia città e, insieme a un gruppo di compagni di liceo, mi dilettavo di mondo giovanile alla radio. Dopo l'università tra Milano e la Francia e un master in Scienze Internazionali, sono capitata a Libero che aveva un anno di vita e cercava giovani un po' pazzi che volessero diventare giornalisti veri. Era il periodo del G8 di Genova, delle Torri Gemelle, della morte di Montanelli: tantissimo lavoro, ma senza fatica perché quando c'è la passione c'è tutto. Volevo fare l'inviata di Esteri, ma a Roma ho scoperto la cronaca cittadina, poi, soprattutto, la politica. Sul blog di Liberoquotidiano.it parlo delle donne di oggi, senza filtri.

media