Cerca

Penelope

Raggi nel caos, Appendino libera. E si vede

Virginia vittima di un contratto capestro che la blocca

6 Settembre 2016

2
Sindaca sabauda

Chiara Appendino ha battuto Piero Fassino

Nessuno ha detto che governare a Roma sarebbe stata una passeggiata, ma il marasma attorno a Virginia Raggi e alla sua giunta è tale da fare pensare che il Movimento Cinquestelle, dopo 70 giorni, non ha ancora smaltito la sbornia della vittoria. Di sicuro non sembra avere una progettualità definita la sindaca Virginia Raggi, che oltre a non brillare certo per la simpatia e il calore umano, sta inanellando una serie di gaffe clamorose, più da dilettanti allo sbaraglio che da guida di una Capitale. Non si sa se il problema sia da attribuire tutto alle faide interne, o alla cocciutaggine della signora che, da settimane, si ostina a fare di testa sua e, al di là dei sorrisi dal balconcino del Campidoglio, si rivela abbastanza sola in questo momento di grande tensione. Non si sa bene ancora, cioè, se il problema sia solo nei due o tre nomi che Virginia ha voluto e imposto nel suo staff (e che è lecito un sindaco pretenda di scegliere), o se c'è anche altro di non detto in questo drammatico inizio di legislatura che ha registrato il record di ben 5 dimissioni in un giorno e di almeno 4 caselle in bilico al momento in cui scriviamo (gli assessori Muraro e De Dominicis, il vicecapo di Gabinetto Marra e il capo segreteria Romeo), per non parlare dell'ufficio stampa e delle altre nomine stoppate. Forse Virginia Raggi semplicemente pensava, dopo avere vinto le elezioni con consenso bulgaro, adesso decido io, nomino chi mi pare. Ma ha avuto la colpa o l'ingenuità, la fanciulla, di avere firmato il contratto capestro con il M5S pena l'espulsione e il ritiro del simbolo. Contratto che invece Chiara Appendino, sindaca grillina di Torino, non ha firmato. E che ora le consente di muoversi in assoluta autonomia senza il fiato addosso dei parlamentari del Movimento e con tutte le energie rivolte a fare bene nel capoluogo piemontese. Come sta facendo. Certo Torino non ha i problemi di Roma e non esce da mafia capitale, ma questa non è una scusante per l'indegno spettacolo che stanno offrendo i grillini capitolini, troppo preoccupati di infilare i propri uomini nei posti chiave, piuttosto che della rinascita della città.  

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • GianniPinotto

    08 Settembre 2016 - 19:07

    Ho molta fiducia nella Appendino: dopo Torino, la vedo proprio a Roma, al Governo. Abbiamo bisogno di aria nuova, 32 anni + 5 di esperienza a Torino.... io ci spero!

    Report

    Rispondi

  • Garrotato

    08 Settembre 2016 - 08:08

    C'è un'altra differenza sostanziale fra la Appendino e la Raggi. Volere o no, la Appendino, per la sua storia famigliare, ha il polso della situazione a Torino molto meglio di quanto non lo abbia la Raggi a Roma, e almeno finora si è saputa muovere senza passi falsi. Ma non credo che il Pd si sia rassegnato: magari si sta organizzando, e più avanti qualche botto si sentirà magari anche lì...

    Report

    Rispondi

Brunella Bolloli

Brunella Bolloli

Alessandrina, vivo a Roma dal 2002. Ho cominciato a scrivere a 15 anni su giornali della mia città e, insieme a un gruppo di compagni di liceo, mi dilettavo di mondo giovanile alla radio. Dopo l'università tra Milano e la Francia e un master in Scienze Internazionali, sono capitata a Libero che aveva un anno di vita e cercava giovani un po' pazzi che volessero diventare giornalisti veri. Era il periodo del G8 di Genova, delle Torri Gemelle, della morte di Montanelli: tantissimo lavoro, ma senza fatica perché quando c'è la passione c'è tutto. Volevo fare l'inviata di Esteri, ma a Roma ho scoperto la cronaca cittadina, poi, soprattutto, la politica. Sul blog di Liberoquotidiano.it parlo delle donne di oggi, senza filtri.

media