Cerca

"Baila" e la strana ansia del format

ballerini in gara

2
"Baila" e la strana ansia del format
I programmi-fotocopia son la peggior jattura della tv italiana, andrebbero aboliti per decreto. Al di là della ridarola e del decollette ancora superbo di Barbarella D’Urso rispetto all’omologa Milly Carlucci vien da chiedersi in cosa consista la fondamentale differenza fra “Baila” (lunedì canale 5 prime time) e “Ballando con le stelle”. Vip che ballano con vip e non vip che ballano con non vip sono diversi rispetto a vip che ballano con non vip.
Al di là della querelle giudiziaria che avvolge Baila diffidato per plagio da un giudice prima ancora di andare in onda; al di là delle “correzioni” del programma Mediaset che fanno molto Jonathan Franzen; al di là del tambureggiante effetto mediatico che ne ha anticipato la messa in onda; al di là dei “vip” che sembrano usciti dall’Isola dei Famosi (Luca Marin, Raffaella Fico, diomio…) ; al di là di tutto ciò la domanda che sorge spontanea è una. E cioè: c’era davvero bisogno di importare –presumiamo pagandolo- un format dall’estero per tirare fuori dal cilindro una roba del genere? Ma a questo punto non era meglio farselo in casa?
Per dire. L’ansia del “format” sta divorando i confezionatori di palinsesti. Ci sono alcune ex soubrette trasformate in intervistatrici da nuguli di autori, pronte a registrate il “format” dei loro “incontri nei salotti televisivi”. Qualcuno dovrebbe spiegare loro che l’intervista è un genere omnibus vecchio come il cucco, dove, per inciso, quello che ci rimette meno è sempre l’intervistatore. Formattate, formattate, qualcosa resterà…

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • francescospecchia

    30 Settembre 2011 - 17:05

    Già parlato. E parleremo anche di Star Academy...

    Report

    Rispondi

  • picky

    29 Settembre 2011 - 13:01

    del programma '' io canto ''nessuno ne parla...perche'?

    Report

    Rispondi

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...

media