Cerca

Dove andremo a finire

Che schifo la tecnologia, viva la tecnologia

0
ddd

Ho deciso di dar vita a questo blog per raccontare quanto la tecnologia e l’innovazione ci stiano migliorando la vita, soprattutto a chi la tecnologia e l'innovazione la schifa. Capita di imbattermi in amici e parenti di ogni età che con servizi online e vari “aggeggi elettronici” non riescono a sviluppare un bel rapporto. Sono quegli stessi che, davanti all’adolescente in treno immerso nel suo smartphone, scuotono la testa chiedendosi “dove andremo a finire”. Eh signoramia, sarà che la memoria spesso è labile, ma si farebbe grande torto nel considerare i nativi digitali dei sociopatici alienati dalla tecnologia, dimenticando i ragazzi nati negli anni ‘50 e ‘60 che passavano ore attaccati al giradischi o leggendo fumetti. Sono solo cambiati i dispositivi, ma la curiosità non è mai morta.

L’interrogativo del fobico digitale ha comunque una base fondata. Le grandi opportunità che possono darci app sul telefonino e lo sterminato oceano del web portano con sé anche qualche bel rischio, ad esempio, per il nostro conto in banca. Spiattellare ai quattro venti troppe informazioni personali ci espone tanto quanto portare il portafogli in bella vista in una strada affollata. Se nella vita “reale” con il tempo abbiamo imparato ad essere accorti e proteggerci, non c’è motivo di essere distratti anche quando facciamo un acquisto online. Ed è proprio a questo proposito che (a breve) racconterò come sono stato truffato e ne sono uscito con discreto successo.

Giovanni Ruggiero
@juan_r

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Giovanni Ruggiero

Giovanni Ruggiero

Giovanni Ruggiero è redattore di liberoquotidiano.it. Nato nel 1983, si interessa di tecnologia e innovazione e ne parla soprattutto a chi lo chiama quando gli si impalla il computer. Scrive di digitalizzazione della PA, di sharing economy, di app che svoltano la giornata, di futuro. È su Twitter come @juan_r

media