Cerca

È la fine

Whatsapp, con l'ultimo aggiornamento è più semplice registrare lunghi messaggi vocali

0
Messaggi vocali su Whatsapp, con l'ultimo aggiornamento è più semplice registrare a lungo

L'ultimo aggiornamento di Whatsapp rovinerà la vita a chi non sopporta i lunghi messaggi vocali. Con l'ultima versione della app è possibile registrare premendo l'icona del microfono e trascinando il dito verso l'alto, così che la registrazione rimanga attiva. Non ci sarà più bisogno di tenere premuto il tasto, il che significa un prevedibile diluvio di note vocali zeppe di "ehm... ooo... aaa...", un regalo a tutti i logorroici del mondo. 

Per chi pensa di fare il furbo non aggiornando la app, sappia che è inutile. E finora non c'è neanche un modo per impedire la ricezione di note vocali. L'unico modo è "bloccare" il singolo contatto, una carognata della quale prima o poi il vostro amico molesto si accorgerà.

Per tutte quelle brutte persone che si ostinano a mandare note vocali lunghe più di un minuto per dire tre parole in croce, sento dal profondo del cuore di dovervi mandare... un promemoria che spesso vi sfugge: l'oggetto nelle vostre mani, in origine, è nato per fare telefonate. Sono quelle situazioni in cui uno parla, l'altro ascolta e nel caso risponde. È una funzione speciale che è stata inserita addirittura all'interno di Whatsapp. Se poi siete infastiditi dall'essere interrotti quando state per dire una scempiaggine, vi resta sempre lo specchio del bagno, pronto ad ascoltarvi anche senza wifi.

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Giovanni Ruggiero

Giovanni Ruggiero

Giovanni Ruggiero è redattore di liberoquotidiano.it. Nato nel 1983, si interessa di tecnologia e innovazione e ne parla soprattutto a chi lo chiama quando gli si impalla il computer. Scrive di digitalizzazione della PA, di sharing economy, di app che svoltano la giornata, di futuro. È su Twitter come @juan_r

media