Cerca

Orgoglio pugliese

Beeta app, come risparmiare sulle bollette di gas, luce e acqua... giocando

11 Aprile 2018

1
Beeta app, come risparmiare sulle bollette di gas, luce e acqua... giocando

Vivo in una casa con qualche decennio di vita, è un appartamento in condominio confortevole, ma con un difetto molto meno evidente del disordine cronico che lascio ogni giorno: dal punto di vista dell’efficienza energetica è un colabrodo. Vuol dire che per riscaldare la casa e l’acqua, per far funzionare gli elettrodomestici e per cucinare uso molta più energia di quanta ne servirebbe, perché molta di questa va dispersa. In termini pratici, sto regalando euro su euro a chi mi fornisce acqua, luce e gas pagando bollette che potrebbero calare dal 10% al 30%.

beeta appUn po’ lo sospettavo. Le prime conferme sono arrivate da Beeta app, un’applicazione per Android e iOs simile più a un videogioco, che - vi avverto - crea anche una certe dipendenza. La app fissa ogni giorno una serie di “missioni”, piccoli test fatti di domande sulle caratteristiche di casa nostra e i suoi consumi. Ogni volta che viene completata una missione, sono poche domande per volta, si ricevono punti. I punti si accumulano e ci fanno scalare la classifica degli altri utenti iscritti. Giocando insomma, questa app mi ha insegnato qualcosa in più che non sapevo, anche se avrei dovuto.

Ci sono poi le “missioni speciali” che permettono di ottenere consigli personalizzati su come risparmiare energia, quindi soldi, inserendo semplicemente i dati dei consumi dai vari contatori. Fino al 31 maggio, chi gioca con Beeta può anche puntare a finire tra i primi 100 in classifica e ricevere un kit per smart home in comodato gratuito. il kit sarà composto dalla centralina multiprotocollo Beeta Box da collegare in wireless con un multisensore per la rilevazione di temperatura, umidità e movimento, un sensore di CO2, una smart plug per automatizzare gli elettrodomestici presenti in casa e un lettore del contatore elettrico. A questo punto, grazie ai dati raccolti e alle nuove missioni, che attiveranno un secondo modello di calcolo, l’algoritmo ‘Beeta’ entrerà nella modalità ‘autoapprendimento’ e darà indicazioni sempre più precise, facendo raggiungere a ciascun utente la massima consapevolezza sui propri consumi energetici, su quanto la propria abitazione sia energivora e sui potenziali risparmi conseguibili con comportamenti più virtuosi.

di Giovanni Ruggiero

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • fausta73

    12 Aprile 2018 - 17:05

    per risparmiare la luce dovrei cucinare di notte, usare di notte gli elettrodomestici, insomma scambiare il giorno con la notte.

    Report

    Rispondi

Giovanni Ruggiero

Giovanni Ruggiero

Giovanni Ruggiero è redattore di liberoquotidiano.it. Nato nel 1983, si interessa di tecnologia e innovazione e ne parla soprattutto a chi lo chiama quando gli si impalla il computer. Scrive di umanità varia e digitale, di sharing economy, di app che svoltano la giornata, di futuro. È su Twitter come @juan_r. Su Facebook c'è addirittura una pagina.

media