Cerca

Complimenti per la trasmissione

Chiedi a Papà ovvero le famiglie e il coreggio della normalità

Il nuovo documentario familiare di Raitre

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...
Mauro e i suoi figli

Chiedi a papà

Sarà che mi sono immedesimato oltre l’umano. Sarà che l’età e la prole inteneriscono e rintronano.

Ma quando il Mauro, bancario di Ravenna esausto, dopo cinque giorni, nella cura dei figli di 7 anni e 17 mesi (ancorati al portapacchi di una bici traballante), con un sorriso patibolare, ha balbettato nel  videomessaggio alla Silvia, la moglie in vacanza: «Qua va tutto benissimo: ci divertiamo, andiamo a letto tardi, mangiamo un sacco di schifezze...», ma in realtà gli  si leggeva nello sguardo smerigliato: «ti prego, cara, torna, non ce la faccio più...»; be’, quando m’è passata sotto il naso quest’immagine di vita famigliare deragliata, in quell’istante, mi ha preso un senso di angoscia solidale. Perchè sono le stesse parole che io pronuncio, arrancando, quando resto a fare da baby sitter ai miei, di figli. E lì - si capirà- qualsiasi analisi tecnica viene a  sbriciolarsi su un sorriso di compassione. Eppure, visionando Chiedi a papà (Raitre, venerdì prime time), il docureality che mette in ferie le mamme e abbandona i figli ai padri per vedere l’effetto che fa, qualcuno ha storto il naso. Qualche collega -Giorgia Iovane su Blogo- afferma che il suddetto programma -in cui fa capolino, morbidamente l’Ivan Cotroneo touch- «non si stacca dal canonico trattamento dei ruoli genitoriali», scoprendo le ipocrisie della famiglie italiane. Può essere. In effetti, osservando l’altra storia che scorreva in parallelo, quella del circense Massimo alle prese, tra mercatini delle pulci casalinghi e cibi vegani, coi 4 figli che campano facendo i giocolieri, un pò viene  l’idea che la moglie Valeria - 51 anni, 4 lauree e  scelta di vita controcorrente- sia il perno essenziale della vita familiare.  Fanno una perfida tenerezza  quei padri che, davanti alle telecamere, si spalmano sui fornelli, battuteggiano, cercano di aiutare i figli a fare i compiti, sentendosi rispondere «ma è meglio con la mamma...». Il tutto mentre le madri se la godono nella spa di una lussuosa masseria pugliese, e magari si portano dietro il modem che evitare che i ragazzini -soli col papà- si ricoglioniscano su Internet.  Il quadro è fin troppo banale, lo storytelling è deja vu. Eppure le famiglie, in fondo, sono così. Sono il coraggio della nornalità.

E quando, nel finale  del format, si sono ricongiunte in bordo piscina con un giorno di ferie pagato in più, tra lacrime buoniste, mi sono irritato per la banalità. Però, nel profondo, c’era una puntina d’invidia...

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog