Cerca

Complimenti per la trasmissione

Se a Ballando entra Morgan ed esce l'ascolto

La nuova edizione del programma di Milly Carlucci

0
Morgan che balla

Valzer e altro

La nuova edizione del programma di Milly Carlucci

Sarà che nel ballo possiedo la grazia di un carro funebre le cui ruote fanno gemere il ciottolato, come diceva Longanesi. O sarà che mi urtano non poco i litigi lividi e posticci in tv, specie fra donne polemiste; litigi inessenziali alla trama come, per dire, quelli fra la giurata Selvaggia Lucarelli e la concorrente Alba Parietti. Sarà che da Milly Carlucci, dopo anni di paso doble, piroette e caschè e superospiti improbabili e quasi sempre ben pagati, si potrebbe anche cambiare registro.
Sarà per questo Ballando con le stelle (Raiuno, sabato prime time) non è annoverato fra i miei programmi preferiti. “Eppure, guarda non è male…” mi fanno delle colleghe che s’inchiodano nei week end sul divano smanettando sul telecomando. E, in effetti, qualcosa di apprezzabile c’è stata, in quest’edizione: le tenere performance del rugbysta Castragiovanni; o la sfida alle tenebre a passi di danza del parolimpico cieco Oney Tapia con la musica nel sangue che lo guida come se avesse un sonar interno; o la nonna danzerina di Fabio Basile, anche se non avevo la minima idea di chi fosse Fabio Basile. Ballando con le stelle, nel suo genere continua ad essere punto di riferimento; non per nulla l’ultima settimana aveva battuto il diretto concorrente Amici, ribaltando una gerarchia d’ascolto ormai storica del sabato sera. Poi, però Milly ha voluto strafare, arruolando Morgan imbucato in frac a chiusura delle danze. Morgan, appena fatto fuori, appunto, dalla De Filippi prometteva –in uno straniante clickbaiting,- l’esca mediatica- “tutta la verità”. Che, in realtà era la verità sul valzer, sulle varianti di Strauss, sul liscio di Casadei, su De André e Stanley Kubrick. Una lezioncina anche appassionata, che non ha prodotto i risultati sperati, dato che Amici ha ripreso il controllo dell’ascolto (share 21,18% con il ritorno di Emma Marrone come coach della squadra bianca contro il 19.83%).
Dovremmo smetterla con questi trucchetti acchiappascolti, suvvia. E la stessa cosa vale per Giletti che ha riproposto nella sua trasmissione lo scazzo eterno Parietti/Lucarelli come si trattasse del match del secolo Mayweather /Pacquiao. Anche perché poi, passano in secondo piano il capezzolo di Martina Stella uscito dal suo alveo naturale mentre ballava con la sorella; o le rigidità della modella Xenya nel boogie col fratello richiamato dalla Russia, cosparso di lacrime; o la trombatura della De Sio che assume contorni da dramma pirandelliano. Mah...

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...

media