Cerca

Complimenti per la trasmissione

MaratonaMentana, Chicco lo Zatopek della notizia che m'inquieta

Perchè impaurisce e affascina il fondo elettorale de direttore del TgLa7

8 Marzo 2018

1
Maratona Mentana

Mentana versione maratoneta...

Quando infuriano le elezioni e i  vecchi topi di redazione, si ancorano alla tivù per non sprofondare tra le proiezioni di voto, di solito, sono due le scuole di pensiero, quasi filosofiche. O si guarda Porta a porta -più istituzionale, la messa- o la MaratonaMentana -più frizzante, la comédie française-.

Si decide all’inizio dove piazzare il telecomando. Per evitare che, nel nell’affanno degli aggiornamenti disomogenei degli exit, scappi qualche cazzatella. Certo, poi ci sono la velocità di Sky e i minuetti stilistici di Matrix; ma la nottata si consuma quasi sempre tra Raiuno e La7. Con noi pennaioli che sbricioliamo pizze di seconda mano sulle tastiere dei pc accesi: col chicchiericcio da previsione, le riunioni, gli occhi liquidi del terribile caffè da macchinetta.

Io, tra Vespa e Mentana, preferisco Mentana. E questo non solo perchè mi affascina quel suo modo da furetto, nevrotico, di mordicchiare le notizie (La7 ha anticipato tutti nelle proiezioni, a mezzanotte, la Rai mezz’ora dopo. Share 13,25%). Ma anche perchè nutro un interesse scientifico per lo strano fenomeno  che consente a Chicco di entrare in studio alle 23  ed uscirne fresco come una rosa, 12 ore dopo. L’altro giorno ha lasciato la linea ad un’ammirata Myrta Merlino (per lei 12,63%) , alle 11: «Enrico, che ti rimasto di questa lunga notte?»; «ancora qualche chilo», ha risposto il direttore cercando con gli occhi una doccia, per potersi ripresentare in onda al pomeriggio. Nel mezzo s’erano rincorse le immagini di Sardoni e  Celata sui campi di battagli; di Bechis, Cerasa, Polito e gli altri indomiti ospiti avventurarieri nelle analisi sul nulla; di Makkox che passava di lì con le sue vignette. Mentana è lo Zatopek degli allunghi elettorali. Questo suo accanimento verso l’estrema resistenza fisica un po’ m’inquieta. A me, dopo il primo paio d’ore di commenti, verrebbe il reflusso gastrico; lui pare che quasi goda sessualmente nel cadenzare la partitura del format. In rete girano i suoi meme: Mentana maratoneta, Mentana nei panni della Gioconda, Mentana come Ragazza dall’orecchino di perla.  Ma c’è di peggio. Il suo editore Urbano Cairo passa tutta la notte a controllare Mentana...

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Prendo Feltri per i fondelli

    09 Marzo 2018 - 17:05

    accesi: col chicchiericcio perchè perchè [bis] che ti rimasto sui campi di battagli [sottratti alle campane] avventurarieri c’è di peggio. Il suo editore Beh, Specchia, si vede che rispetto a Mentana non sei uno Zatopek, ma un Dorando Petri.

    Report

    Rispondi

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...

media