Cerca

Complimenti per la trasmissione

Cyrano , troppi scherzi di cuore non fanno bene agli ascolti

Perchè non funziona la trasmissione di Gramellini

I sentimenti che non tirano (ma viva Ambra)

10 Aprile 2018

0
Ambra e Massimo

Gramellini e Angiolini all'attacco dell'amore

I sentimenti che non tirano (ma viva Ambra)

Massimo Gramellini – che io preferisco nella prima versione satirica- grazie a una prosa tenera e aguzza a metà tra Longanesi e Woody Allen, è una delle penne più brillanti del giornalismo e della narrativa italiane. Indubitabilmente.
 
Possiede un’insolente capacità di scrittura che, da qualche anno, ha messo proficuamente al servizio dei temi d’amore. Ma questo, in tv, può servire a far vibrare appassionate sceneggiature, a narrare storie da far raccontare ad altri, e non necessariamente a condurre un format di prima serata. Il suo programma Cyrano-l’amore fa miracoli (Raitre, venerdì, prime time) –“l’amore non ha un perché, l’amore è un perché”, cita lui- raggranella un misero 3,11% di share nonostante l’impegno profuso, suo e dalla co-conduttrice Ambra Angiolini, perfetta col partner sbagliato. Cyrano (titolo non originalissimo: l’ultimo ad usarlo fu Massimo Fini nel 2003) è un contenitore di storie ed interviste sentimentali. Nella puntata dedicata al mito di Romeo e Giulietta si è riempito delle storie comuni  di Ilaria e Marco che decidono di vivere separate in casa per un anno per poi “risposarsi” come in una commedia di Spencere Tracy e Katherine Hepburn; o della signora Luigia che ha incontrato il marito sessant’anni fa occhieggiando sul tram; o di due cugini,  Sabrina e Riccardo, amanti in vergognosa clandestinità, ecc... Dopodichè alle storie comuni si sono aggiunte le interviste a Maria Sole Tognazzi e  Ilaria D’amico amiche per la pelle; a Claudia Gerini che da ragazzina aveva in camera il poster di Tom Cruise e del chitarrista dei Duran Duran e che vive un consapevole rapporto col tempo che passa; e a Enrico Ruggeri che “aveva iniziato a fare dischi per abbordare le ragazze” e che in ben due tranche descrive la sua adolescenza eroticamente sfigata prima e superlativa dopo la notorietà. Metteteci anche un app per cuori solitari, un artista che spiega la passione con origami giganti, una deliziosa giovin cantante  che spazia dalla Mannoia a Dire Straits: e otterrete un programma troppo lungo che s’immerge per furbizie d’ascolto nella notte e che scivola sul faccione onesto ma incolore di Massimo, invece di fissarsi solo sulle vivide espressioni teatrali di Ambra. Sicchè l’esperimento, nonostante, la buona volontà, diventa come la follia di cuore di Romeo narrata dallo stesso Gramellini: “uno tsunami che non puoi gestire”…
 
 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...

media