Cerca

Complimenti per la trasmissione

"Ora o mai più", sotto la tristezza niente di nuovo

Il nuovo reality di Amadeus

Su Raiuno ancora effetto-nostlagia

13 Giugno 2018

0
Il gruppo di Ora  o mai più

Album di famiglia sanremese

Su Raiuno ancora effetto-nostlagia

Il momento più impietoso, un’incauta fibrillazione emotiva, si è avuto quando Donatella Milani -ex talent girl sanremese con sorriso e giacche troppo larghe già nel 1983- dopo aver raccontato il suo problema alle corde vocali di anni prima, ha voluto riprovarci; e ha attaccato con “Volevo dirti”, una della mie hit da ragazzino, davanti ai giudici.
Superata la cinquantina, Donatella s’è arrampicata come poteva su quella canzoncina e poi è stata –come dire- strapazzata  da Fausto Leali. In quel mentre una saetta di tristezza le ha attraversato lo sguardo. Non solo il suo. Perché anche gli occhi degli altri giudici di “Ora o mai più”  (Raiuno, venerdì, prime time) mi sono apparsi come immersi in una liquida malinconia. Giudici -qui chiamati “maestri” per distinguerli da X Factor- che parevamo quasi issati sullo stesso piano dei concorrenti, ossia un manipolo di meteore della musica leggera a cui la Rai qui ha voluto dare una “seconda chance”. Sicché da un lato c’erano i giudicati, gente anche brava tipo Alessandro Canino, Di Cataldo, i mitici Jalisse, Veleria Rossi. Dall’altro, svettavano i giudici, appunto: Patty Pravo che se la godeva a distribuire voti bassi almeno quanto Orietta Berti ad alzarli in nome di un’ancestrale solidarietà fra vecchie glorie; e Zarrillo ricordato perennemente per la sua L’elefante e la farfalla; e Marcella Bella, e  Loredana Bertè con le sue ciocche blu,  e Red Canzian,  Masini, e Leali: tutti ricordi fattisi carne del nostra storia canzonettara. Nel mezzo il solito, ennesimo tentativo di solleticare la nostalgia del solito, sicuro, blindatissimo, pubblico over 50: cantanti ex famosi ripescati dall’oblio di drammi personali, il duetto col loro “mentore” televisivo, la voglia di riscatto (che qui sembra quasi più dei giudici stessi). Estenuato mix tra Meteore, Tale e quale e I migliori anni, Ora o mai più trova una sua dignità solo  nella conduzione di Amadeus e nel rispetto dei nostri grandi del passato. Punto. Per il resto sembra di entrare in un dimenticato film di Eugenio Cappuccio “Se sei così ti dico sì” con Emilio Solfrizzi nei panni del vecchio cantante recuperato ad uso media. Un film  talmente triste che non sono mai riuscito a vedere fino in fondo…
 
 

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Francesco Specchia

Francesco Specchia

Francesco Specchia, fiorentino di nascita, veronese d’adozione, ha una laurea in legge, una specializzazione in comunicazioni di massa e una antropologia criminale (ma non gli sono servite a nulla); a Libero si occupa prevalentemente di politica, tv e mass media. Si vanta di aver lavorato, tra gli altri, per Indro Montanelli alla Voce e per Albino Longhi all’Arena di Verona. Collabora con il TgCom e Radio Monte Carlo, ha scritto e condotto programmi televisivi, tra cui i talk show politici "Iceberg", "Alias" con Franco Debenedetti e "Versus", primo esperimento di talk show interattivo con i social network. Vive una perenne e macerante schizofrenia: ha lavorato per la satira e scritto vari saggi tra cui "Diario inedito del Grande Fratello" (Gremese) e "Gli Inaffondabili" (Marsilio), "Giulio Andreotti-Parola di Giulio" (Aliberti), ed è direttore della collana Mediamursia. Tifa Fiorentina, e non è mai riuscito ad entrare in una lobby, che fosse una...

media