Cerca

La statistica

La tragica eredità di Obama: tasso di suicidi da record

Glauco Maggi

Glauco Maggi

Giornalista a NYC per Libero, autore di Figli&Soldi (2008), Obama Dimezzato (2011). Politica ed economia. Maestri: Hayek, M.Friedman, T.Sowell

La tragica eredità di Obama: tasso di suicidi da record

Tra le eredita’ che Obama lascia agli americani c’e’ anche questa: l’impennata dei suicidi che ha portato il tasso ad un livello che non si vedeva dal 1986. Lo dice uno studio governativo del Centro nazionale per le Statistiche della Salute, condotto sul periodo 1999-2014, secondo il quale i suicidi sono aumentati praticamente in tutte le fasce della popolazione, con un record tra le donne di mezza eta’, da 45 a 64 anni (+ 63%). Anche per i maschi la crescita piu’ elevata, il + 43%, si e’ registrata nella stessa fascia di eta’ intermedia.
Il tasso dei suicidi nazionali e’ oggi salito a 13 persone su 100mila, frutto di un incremento generalizzato: la crescita e’ stata del 2% all’anno a partire dal 2006, raddoppiando il tasso annuale del periodo precedente. In cifre, si sono tolte la vita 42.773 persone nel 2014, contro le 29.199 del 1999.
Katherine Hempstead, esperta della salute alla Robert Wood Johnson Foundation, ha commentato sul New York Times che “e’ veramente stupefacente assistere ad un aumento che tocca virtualmente ogni gruppo d’eta’” e ha identificato una relazione tra i suicidi della gente di mezza eta’ con il crescente senso di stress per la situazione dell’occupazione e delle finanze personali degli americani in crisi. E poi dicono che Obama ha sistemato l’economia.
Il presidente piu’ “anti armi” della storia non puo’ nemmeno attribuire l’aumento dei suicidi alla corsa degli americani ad acquistare rivoltelle, trend che peraltro lo stesso Barack ha stimolato con le sue continue campagne per limitare il Secondo Emendamento, quello che da’ il diritto costituzionale ai cittadini USA di possedere armi. Infatti, pistole e fucili sono coinvolti ora nel 31% dei suicidi al femminile, percentuale in ribasso dal 37% di 17 anni fa, mentre tra i maschi il calo e’ stato dal 62% al 55%. Un quarto dei suicidi, circa il 25%, e’ dovuto a soffocamento, per impiccagione o strangolamento, in crescita dal 20% circa del 1999.
Il tasso di suicidi e’ salito al massimo tra gli Indiani Americani, dell’89% tra le donne e del 38% tra gli uomini, mentre e’ calato soltanto per un gruppo razziale, gli afro-americani, e per una sola categoria di eta’, i vecchi sopra i 75 anni, uomini e donne. Persino tra le bambine tra i 10 e i 14 anni si e’ registrato un picco notevole di suicidi, triplicati a 150 nel 2014 rispetto ai 50 del 1999.

di Glauco Maggi 
twitter @glaucomaggi

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • lepanto1571

    23 Aprile 2016 - 10:10

    Grazie Obama. Fateci sapere dell'Italia..!

    Report

    Rispondi

blog