Cerca

I giri di valzer del futurista Barbareschi valgono ben due fiction

Arrivano in Rai i nuovi film di Luca il duro

Enrico Paoli

Enrico Paoli

Toscano di nascita, ma romano di adozione (e vocazione) ha iniziato a "imbrattare" pagine al Tirreno di Livorno, scrivendo di sport e spettacoli, passando poi alla Nazione di Firenze. Prima di approdare al Giornale, (edizione toscana) si è divertito lavorando in radio (una passione che non accenna a diminuire nonostante gli anni). A Libero sono arrivato quasi dieci anni fa, per "colpa" di Feltri, transitando per la cronaca di Roma, che ho guidato sino al 2007. Da allora ad oggi politica e Rai.... quanto basta per non annoiarsi....
I giri di valzer del futurista Barbareschi valgono ben due fiction
l doppio giro di valzer in chiave futurista - «me ne vado», «no resto», anzi «mi sento responsabile» - del “trasformista” Luca Barbareschi paga eccome.  L’attore, regista, deputato, produttore, ha ottenuto dalla Rai il via libera per due Fiction che vedremo nella prossima stagione televisiva. Resta a bocca asciutta, invece, la moglie di Italo Bocchino, rimasta fuori dal piano editoriale approvato da viale Mazzini nell’ultima seduta del consiglio di amministrazione.
Barbareschi, raccontano le solite voci di corridoio, teneva in modo particolare a queste due opere televisive, dovendo rivitalizzare le casse della sua casa di produzione Casanova, messe a dura prova dalla serie tv già girate,  ma senza acquirente. Fra queste c’è la fiction dedicata a Nero Wolfe, che vede l’attore e doppiatore Francesco Pannofino nei panni del celebre detective che risolve i casi più intricati del mondo. La pellicola è già stata girata e i costi di produzione sarebbero stati particolarmente elevati. Barbareschi, stando a quanto affermano gli addetti ai lavori, aveva la necessità di piazzare il prima possibile questo prodotto, altrimenti avrebbe dovuto stoppare altre opere già in cantiere. E la Rai lo ha accontentato. Disco verde anche per “L’olimpiade nascosta”, fiction dedicata alle gare disputate nel 1940 in un campo di concentramento. 
Il resto del piano prevede opere storiche e d’attualità, ma anche biografie di santi e poeti e soprattutto la famiglia in tutte le sue declinazioni. I ritratti più attesi sono quelli dedicati  a Don Giussani, il fondatore di Comunione e Liberazione scomparso sei anni fa,  Trilussa ed Evita Peron.  Particolarmente attesa, infine, l’opera dedicata a Giovanni Borghi,  da tutti conosciuto come “Mister Ignis”, su cui si era spaccato, nelle scorse sedute,  il consiglio di amministrazione. La serie, firmata e prodotta da Renzo Martinelli,  è dedicata all’epopea di Giovanni Borghi, definito da Silvio Berlusconi, un «esempio di vita», tanto il premier ha prestato la sua penna per la prefazione del libro scritto da Gianni Sparta.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • tony buatta

    21 Febbraio 2011 - 12:12

    Era un re (si fa per dire) che aspirava al trono di Francia... per te non vale, ma se devi uscire da quel gruppo dove le tue scarpe son realmente strette, fai il passo concreto e completo, il gruppo misto è solo una mistificazione, non ti realizza in pieno tony

    Report

    Rispondi

  • virgil

    20 Febbraio 2011 - 13:01

    Provo un senso di irritazione quando sento questi personaggi che non sanno mai di preciso dove o con chi appoggiarsi. Sicuramente lui andrà dove più è conveniente.

    Report

    Rispondi

  • menix

    20 Febbraio 2011 - 00:12

    Che anche la Rai fosse di Berlusconi...la dice lunga sulla vs. lucidità mentale. Guardate che semmai è proprio il sig. Fini che ha ancora la sua influenza, ricordo a lor signori che i contratti a mamma Tulliani e lady Bocchino...la dicono lunga. Il resto è noto da sempre...un servizio pubblico tutt'altro che libero e pluralista, organo mediatico ufficiale di sinistra e centrosinistra neanche si trattasse di un giornale di partito peccato sia finanziato da tutti i contribuenti per foraggiare i loro Santoro, Travaglio, Vauro, Floris, Fazio, Dandini, Annunziata, etc.. Bella democrazia vero??? Beh per chi la sperimentata sulla propria pelle è esattamente come quella del signor fini...e secondo voi?? uno che gli ha creduto...quando si accorge del bluff...deve star zitto e restar fermo a subire l'inganno che si perpetua?? ditemi voi...

    Report

    Rispondi

  • lucianodellolio

    19 Febbraio 2011 - 09:09

    al trasformista asppetta che gli passa il mal di pancia

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog