Cerca

Il mattino ha l'oro in bocca, ma non per la diva Ferrario

Reintegrata al Tg1, è già sul piede di guerra

Enrico Paoli

Enrico Paoli

Toscano di nascita, ma romano di adozione (e vocazione) ha iniziato a "imbrattare" pagine al Tirreno di Livorno, scrivendo di sport e spettacoli, passando poi alla Nazione di Firenze. Prima di approdare al Giornale, (edizione toscana) si è divertito lavorando in radio (una passione che non accenna a diminuire nonostante gli anni). A Libero sono arrivato quasi dieci anni fa, per "colpa" di Feltri, transitando per la cronaca di Roma, che ho guidato sino al 2007. Da allora ad oggi politica e Rai.... quanto basta per non annoiarsi....
Il mattino ha l'oro in bocca, ma non per la diva Ferrario
Se si sveglia a quell’ora non lo fa per scelta, ma per «spirito di disciplina». Dietro al tipico concetto da azzeccagarbugli, usato dalla video-giornalista del Tg1 Tiziana Ferrario - su precisa indicazione del suo legale - c’è tutto l’astio per la nuova collocazione all’interno del telegiornale della Rai, diretto da Augusto Minzolini, che le ha affidato la gestione delle edizioni del mattino con qualifica di caporedattore.
Astio frenato soltanto dall’imminente rinnovo del comitato di redazione del Tg1, all’interno del quale la Ferrario vorrebbe far eleggere una propria candidata, in modo da creare ulteriori problemi al direttore. Peccato che “l’operazione cdr”  si stia rivelando più difficile del previsto, visto che nessuna delle colleghe della Ferrario pare disposta a sacrificarsi per lei. Al momento gli unici redattori del Tg1 disposti a farsi carico delle questioni sindacali del telegiornale della prima rete Rai sono il giovane Alessio Rocchi, indicato dalla componente di sinistra, e Attilio Romita, conduttore dell’edizione delle 20,  uno dei volti più amati dai telespettatori. Romita è stato indicato dalla componente di centrodestra dell’Usigrai, che ha deciso di far confluire su di lui i propri voti. Nel frattempo la Ferrario, oltre che svegliarsi all’alba, starebbe affilando le armi per una nuova battaglia legale.
Dopo la sentenza del tribunale di Roma che ne ha disposto il reintegro, la giornalista del Tg1 - in video per 28 ani - è stata ricollocata alle cinque del mattino, in «un ruolo già occupato», dice lei, e senza nessuna possibilità di conduzione.  Dall’inizio della settimana Minzolini  le ha assegnato ufficialmente la gestione della redazione di Uno Mattina del Tg1, con la qualifica di caporedattore». Una mansione che, secondo il direttore, «costituisce una promozione». Per la Ferrario no. Così la giornalista, dopo la comunicazione ufficiale, ha risposto al direttore con una lettera aperta inviata a tutti i colleghi. Minzolini «ancora una volta non ha rispettato l’ordinanza dei giudici», scrive l’ex conduttrice dell’edizione delle venti del Tg1, «e non ha concordato con me il mio utilizzo all’interno della redazione». Il comitato di redazione del telegiornale, intanto, si è schierato al fianco della giornalista e ha lamentato il rifiuto del direttore a incontrarla. «Il provvedimento è stato adottato d’imperio, senza alcuna consultazione della collega», sostengono i giornalisti Alessandro Gaeta e Alessandra Mancuso. «Il sapore della decisione del direttore appare punitivo e non rispettoso del percorso professionale della collega che, comunque, ha già il trattamento da caporedattore dal 1998».
Da parte sua il direttore  Minzolini non si scompone più di tanto. Parla di situazione «grottesca», ricordando come la Ferrario sia stata «in video per 28 anni, tre generazioni di conduttori» e non ci sta a passare per il diavolo. «Le avevo già fatto tre proposte importanti per il suo ritorno al telegiornale», racconta, «le avevo chiesto di fare la super-inviata per andare a coprire gli eventi più importanti del momento, dalla Russia alla Libia, ma ha declinato. Poi le avevo proposto di fare la corrispondente da Madrid, ma mi ha risposto che non poteva. Alla fine le ho chiesto di andare a fare il caporedattore a Milano, ma ha detto di no».  

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • paladinoeugenio

    19 Marzo 2011 - 16:04

    dopo 28 anni giusto inviarla un libia come qualcuno suggerisce....-------- promovatur ut amoveatur ..se ben ricordo

    Report

    Rispondi

  • paladinoeugenio

    19 Marzo 2011 - 16:04

    viva le iene....abbiamo così scoperto il grado di ignoranza di molti politici di sinistra compresa la Bindi...in merito alla storia d'Italia...sarebbe da rivedere il filmato in tv..----- .. relativamente a Ventola... no comment .. potrei essere perseguito con querele varie.. saluti e buon lavoro. paladino

    Report

    Rispondi

  • Geppo Avellino

    19 Marzo 2011 - 13:01

    mandiamo ferrario in libia :non avrà difficoltà ad essere nominata da gheddafi direttrice del telegiornale libico.raggungiamo due scopi:ce la leviamo dalle p.... e ci liberiamo da un'altra certa "papessa" della televisione italiana .

    Report

    Rispondi

  • lobadini

    17 Marzo 2011 - 18:06

    Questi divi intoccabili hanno rotto le p...!! Minzolini............mandala a pulire che è il suo mestiere

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog