Cerca

Al Foro Italico il colpo preferito è il pass. Anche per i Vip

Internazionali di tennis, ma il must è il villaggio vip

Enrico Paoli

Enrico Paoli

Toscano di nascita, ma romano di adozione (e vocazione) ha iniziato a "imbrattare" pagine al Tirreno di Livorno, scrivendo di sport e spettacoli, passando poi alla Nazione di Firenze. Prima di approdare al Giornale, (edizione toscana) si è divertito lavorando in radio (una passione che non accenna a diminuire nonostante gli anni). A Libero sono arrivato quasi dieci anni fa, per "colpa" di Feltri, transitando per la cronaca di Roma, che ho guidato sino al 2007. Da allora ad oggi politica e Rai.... quanto basta per non annoiarsi....
Al Foro Italico il colpo preferito è il pass. Anche per i Vip

Sì, d'accordo il servizio, magari lo smash più che il rovescio o il dritto lungolinea, lasciando perdere la volé. Perché il colpo più amato da chi frequenta gli internazionali di Tennis è il pass. Che non viene bene nemmeno a Rafa Nadal nei momenti migliori. Solo i romani dè Roma sono dei maestri assoluti, unici nella sua esecuzione, dentro e fuori dall'evento. Contatto con il Pr amico, magari attraverso la rete, essere su Facebook è pressoché fondamentale, (Edo&Raffa sono davvero eccezionali, non a caso sono stati “reclutati” direttamente dall'organizzazione dell'evento), mail di conferma per l'accredito, sms come se piovesse per coordinare l'aggancio e alla fine arriva il punto: il pass. Senza l'ambito braccialetto, o oggetti simili, non c'è partita. Ovviamente chi non segna il punto, ovvero non ottiene il pass, si organizza per segnare di rimessa, magari in zona Cesarini.

E così, all'ombra del nuovo centrale del foro Italico, bello da far paura nonostante l'umidità ficcante dei pini delle piscine, giovedì sera è andata in scena la prima serata del Villaggio Vip degli internazionali di tennis, si replica sino al 15. Sul palco Mario Biondi, nel parterre la Roma che conta e quella che canta. Dai direttori Rai, Augusto Minzolini in testa, alle prime firme dei quotidiani, passando per i rampolli dai nomi blasonati per finire con manager delle grandi aziende, senza dimenticare attrici e attori, compresi quelli in cerca di notorietà, tipo Guendalina del Grande Fratello. La politica, e i politici, ovviamente non mancano mai, ma saltano rigorosamente la “prima”. Troppo caos, troppa frenesia d'esserci. Più di mille persone giovedì sera, mica bruscoli. Magari, come hanno fatto in molti deputati, senatori, sottosegretari e ministri, meglio mandare in avanscoperta il proprio addetto stampa. Così per sondare l'aria che tira. Da stasera, però, si fa sul serio. Cene chic prima della serata vera, rigorosamente ad inviti. E qui scatta un'altra partita. Ma più simile agli scacchi. Per trovare un posto a tavola occorre dare scacco al Re. Non basta il pass. Stasera serata Pacha Ibiza, lunedi Jerry Calà. Che il pass sia con voi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400