Cerca

E il cda ora vuole far pagare il conto al Minzo

L'Agcom contro Silvio

Enrico Paoli

Enrico Paoli

Toscano di nascita, ma romano di adozione (e vocazione) ha iniziato a "imbrattare" pagine al Tirreno di Livorno, scrivendo di sport e spettacoli, passando poi alla Nazione di Firenze. Prima di approdare al Giornale, (edizione toscana) si è divertito lavorando in radio (una passione che non accenna a diminuire nonostante gli anni). A Libero sono arrivato quasi dieci anni fa, per "colpa" di Feltri, transitando per la cronaca di Roma, che ho guidato sino al 2007. Da allora ad oggi politica e Rai.... quanto basta per non annoiarsi....
E il cda ora vuole far pagare il conto al Minzo

Non aspettavano altro. E ora che l’Agcom ha battuto il colpo sperato, addirittura superiore alle attese, il blitz anti Minzolini può finalmente partire. Obiettivo dichiarato far pagare di tasca propria al direttore del Tg1 le sanzioni che l’Authority  ha inflitto alla Rai, nonostante le osservazioni presentate dalla direzione della testata, che ribaltato completamente i dati sui quali si sono basati i commissari del’Agcom.

Un’idea, quella della rivalsa sul direttore di testata, che i consiglieri di amministrazione della tv pubblica indicati dalla sinistra andavano accarezzando da tempo, con il pieno sostegno dell’Usigrai, ma che non erano mai riusciti a portare in Cda. Ora che al posto di Mauro Masi - andato a guidare la Consap - c’è Lorenza Lei e il filo del dialogo fra il direttore generale e il presidente del consiglio di amministrazione, Paolo Garimberti, si è saldamente riannodato, ecco che il cda di domani si occuperà della questione. L’ordine del giorno della seduta è stato integrato da questo argomento all’ultimo minuto. A sollevare la questione della «responsabilità personale» sarà Nino Rizzo Nervo, consigliere di opposizione, forte del supporto di Carlo Verna, segretario dell’Usigrai, che ha avanzato la stessa richiesta.

Vista la posizione di aperta rottura nei confronti di Minzolini assunta dagli esponenti di sinistra del vertice Rai, quanto spazio dedicheranno i consiglieri  alle osservati presentate all’Agcom  da parte della direzione del Tg1? Osservazioni tutt’altro che irrilevanti. «L’intervista di 3 minuti e 33 secondi del presidente del Consiglio è stata seguita nei giorni successivi da un’intervista a Nichi Vendola (riferimento a livello nazionale del candidato al ballottaggio di Milano Pisapia) di due minuti e 17 secondi», si legge nella nota della direzione del Tg1, «e di Antonio Di Pietro (riferimento a livello nazionale del candidato al ballottaggio di Napoli De Magistris) di un minuto e 35 secondi. Per cui è stato seguito un criterio equo e rispettoso del pluralismo e della par condicio». Criterio che né l’Agcom né il cda della Rai, sembrano disposti a recepire, «Nei tre giorni precedenti l’intervista, in tutte le edizioni del Tg, secondo l’Osservatorio di Pavia (l’istituto a cui la Rai deve fare riferimento su indicazione della Commissione parlamentare di vigilanza ndr)», sostiene la direzione del Tg1, «il governo aveva avuto il 13,4%  e la maggioranza il 22,6% con un dato quindi governo più maggioranza del 36%. Nello stesso periodo l’intera opposizione ha avuto il 58,6%. Il giorno dell’intervista era necessario un riequilibrio generale dei dati che a quel momento erano palesemente a favore dell’opposizione».  

e. pa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • medvedek

    25 Maggio 2011 - 20:08

    Docprozac non abusare con gli psicofarmaci, non ti servono mica, hai solo un neurone che sta morendo di solitudine dentro quel tuo povero cranietto. Basta dai, sarai mica depresso? Aspetta domenica, domenica avrai in motivo in più per prendere le tue pilloline, Pisapia sindaco e tu superdepresso.

    Report

    Rispondi

  • docprozac

    24 Maggio 2011 - 18:06

    visto il suo cognome vada afare le crociate pro islam da un'altra parte. Se proprio gli piacciono tanto,se li ospiti a casa sua,non gli mancano certo i soldi

    Report

    Rispondi

  • docprozac

    24 Maggio 2011 - 17:05

    leggendo il tuo illuminante post si apprende una grande verità : SEI UN IDIOTAVERO

    Report

    Rispondi

  • Liberovero

    24 Maggio 2011 - 14:02

    sembra che questo strano soggetto sia stato iscritto alla P2, ha poi ospitato nella propria casa un mafioso definito pubblicamente come un eroe e frequenti altri soggetti sotto processo per mafia. Non vi fidate di questo Pisapia che sembra condurre una vita amorale. Si dice infatti che nelle proprie residenze principesche sia solito organizzare festini con molte ragazze tra cui anche qualche minorenne. Non lo votate. Un soggetto del genere non è degno di fare il sindaco di Milano. Al massimo potrebbe fare il presidente del consiglio, ma il sindaco di Milano proprio no.

    Report

    Rispondi

blog