Cerca

Mauro Masi contro tutti: il fango contro di me per bloccare le nomine

L'ex dg all'assalto di viale Mazzini

Enrico Paoli

Enrico Paoli

Toscano di nascita, ma romano di adozione (e vocazione) ha iniziato a "imbrattare" pagine al Tirreno di Livorno, scrivendo di sport e spettacoli, passando poi alla Nazione di Firenze. Prima di approdare al Giornale, (edizione toscana) si è divertito lavorando in radio (una passione che non accenna a diminuire nonostante gli anni). A Libero sono arrivato quasi dieci anni fa, per "colpa" di Feltri, transitando per la cronaca di Roma, che ho guidato sino al 2007. Da allora ad oggi politica e Rai.... quanto basta per non annoiarsi....
Mauro Masi contro tutti: il fango contro di me per bloccare le nomine

«Ma quale lettera di licenziamento per Michele Santoro. Non scherziamo, per favore. A Bisignani, con il quale ci conosciamo da vent'anni, ho chiesto solo un consiglio. Avevo bisogno di uno studio legale che conoscesse la materia e lui me lo ha indicato». Frenare l'ex direttore generale della Rai Mauro Masi, finito anche lui nel calderone delle intercettazioni, è quasi impossibile. Tante, forse troppe, sono le cose che ha da dire, gli aspetti da chiarire circa i suoi rapporti con il faccendiere che, nelle telefonate, sosteneva di controllare la Rai e «pilotare Masi»

E l'ex numero uno della tv pubblica ha l'urgenza di farlo, visto che i vertici di viale Mazzini hanno deciso di aprire un'indagine interna sulla sua gestione. «Ma su cosa devono indagare», dice Masi, «l'unica lettera inviata a Santoro è quella in cui gli veniva contestato il comportamento tenuto in trasmissione e la relativa apertura di un provvedimento disciplinare. Quella missiva, «spiega Masi, «fu scritta dal capo del Personale della Rai, Luciano Flussi, e dai legali dello studio indicatomi da Bisignani». Insomma, nulla da cui doversi difendere. «Hanno deciso di gettarmi tutto questo fango addosso», spiega l'ex dg di viale Mazzini, «soltanto per non fare le nomine. Altro che voglia di trasparenza». Sarà un caso, però il consiglio di amministrazione della Rai, da quando è scoppiato lo scandalo della P4, è praticamente ingessato. Niente nomine, niente di niente. Solo un continuo gioco di veti incrociati.

E proprio per questa ragione Masi si è detto «letteralmente sconcertato per le dichiarazioni rilasciate nei giorni scorsi dal presidente della Rai, Paolo Garimberti» e ha aggiunto di esser pronto a ricorrere alle vie legali. Cosa che ha deciso di fare anche lo stesso Garimberti, ma per tutt'altre ragioni. Il presidente della Rai ha deciso di chiedere un parere all'ufficio legale e al collegio dei sindaci sull'accordo tra l'azienda e Michele Santoro, alla luce dell'ordine del giorno presentato dal consigliere Rodolfo De Laurentiis, che chiedeva l'impegno del direttore generale per trattenere a Viale Mazzini il conduttore di Annozero, e delle considerazioni del consigliere Nino Rizzo Nervo che avrebbe ribadito che, a suo giudizio, il dg sarebbe andato oltre le proprie competenze nello stipulare l'accordo con Santoro. Insomma la componente di sinistra del cda ha, di fatto sfiduciato il direttore generale. Di diverso avviso, invece, il consigliere indicato dalla maggioranza Antonio Verro. «Santoro non è una vittima e non ha bisogno di difensori d'ufficio», dice l'amministratore di Viale Mazzini, «giova ricordare che il dg e Santoro hanno raggiunto consensualmente un accordo per l'uscita del giornalista dall'azienda e per la conclusione del contenzioso legale con la Rai in atto da tempo». Tuttavia Verro attende con «interesse l'esito dei pareri» e in caso di una riapertura della trattativa, a tutela degli interessi dell'azienda, «sarà opportuno prevedere chiaramente anche una clausola di non concorrenza».

A chiudere il quadro, infine, il caso Gabanelli e la mancata copertura legale a Report. Il direttore generale ha spiegato che il problema riguarda tutti e non un singolo e sarà il prossimo consiglio di amministrazione, fissato per il 7 luglio, ad affrontare il tema

 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • corto

    29 Giugno 2011 - 18:06

    Prova a farti otto minorenni in una nottata, se poi ci riesci provi a paragonarti al premier....

    Report

    Rispondi

  • corto

    29 Giugno 2011 - 18:06

    Sono contento che i tagli alla casta siano stati bloccati, se facessimo sti tagli faremmo perdere di credibilità ai nostri stessi ministri, mostreremo il fianco di esponenti quali La Russa che prese l'aereo per vedere una partita di calcio. Riguardo al superbollo benvenga una tassa che colpisca anche la classe media, così evitiamo che passi il messaggio che questa finanziaria debba passare sul cadavere dei benestanti

    Report

    Rispondi

  • corto

    29 Giugno 2011 - 18:06

    ragazzi, se qua si fa piazza pulita di condannati ed indagati perdiamo la maggioranza parlamentare, oltretutto se Papa risentito si mette a cantare qui scoppia un bubbone di proporzioni colossali... Tutti per uno ed uno per tutti !

    Report

    Rispondi

  • imahfu

    28 Giugno 2011 - 19:07

    Tremonti 'taglia' per la crisi MA Fini (scotta che la sua uscita corrisponda al fallimento del pdl...) acquista la reggia. E il Premier? Di reggie ne ha molte. Preferisce festeggiare con Sgarbi e appartarsi con 4 ragazze...a 75 anni!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

blog