Cerca

A gennaio il nuovo giovedi di Rai Due! Speriamo che sia vero...

Santoro o anti-santoro poco importa

Enrico Paoli

Enrico Paoli

Toscano di nascita, ma romano di adozione (e vocazione) ha iniziato a "imbrattare" pagine al Tirreno di Livorno, scrivendo di sport e spettacoli, passando poi alla Nazione di Firenze. Prima di approdare al Giornale, (edizione toscana) si è divertito lavorando in radio (una passione che non accenna a diminuire nonostante gli anni). A Libero sono arrivato quasi dieci anni fa, per "colpa" di Feltri, transitando per la cronaca di Roma, che ho guidato sino al 2007. Da allora ad oggi politica e Rai.... quanto basta per non annoiarsi....
A gennaio il nuovo  giovedi di Rai Due! Speriamo che sia vero...

“Ai primi del nuovo anno Rai Due avrà un nuovo programma per la prima serata del giovedì” e "sarà una soluzione al buco Santorò". Ollallà, allora la Rai è davvero alla ricerca di un nuovo Santoro, o anti-Santoro che dir si voglia. Oppure siamo davanti alla nuova fiction Rai, “cerca come tappare il buco”. Non centrare l’obiettivo, diciamolo subito, sarebbe una maledetta occasione persa.  Perché l’affermazione fatta in commissione di vigilanza dal direttore generale della tv pubblica, Lorenza Lei,  (c’era anche il presidente Paolo Garimberti) va valutata e soppesata, non avendo sciolto affatto il dubbio. Non a caso le domande dei commissari su come l’azienda intenda ovviare al problema di palinsesto del giovedì sera, venutosi a creare con la cessazione di “Annovero”, sono state molteplici, come se il giovedì sera di Rai Due, anzi il giovedì della Rai, fosse una sorta di pietra miliare della tv.In particolare Fabrizio Morri, capogruppo del Pd, ha rilevato che la rete, il giovedì, in prima serata fa segnare ascolti bassissimi, intorno al 4,5 per cento, creando “un forte danno economico” La risposta del dg di viale Mazzini è stata criptica, equivalente ad un cartello con su scritto “lavori in corso”. “Ci sta pensando il direttore della rete, D’Alessandro”, ha spiegato la Lei, “che non ha ancora specificato il genere. L’intento dell’azienda è di avere qualcosa che faccia presa, e “serve tempo per progettare un programma che abbia una dignitosa volontà d’ascolto”, ha tenuto a precisare la Lei. Ma come, quando vuole la Rai sforna progetti come fossero panini all’olio, e per un giovedì sera non trova una soluzione? Non è che l’offerta de La7 non va disturbata, in sorta di pax televisiva? Il dubbio - sia chiaro - è tutto nostro, essendo afflitti dal dramma che di solo Ballarò non si può campare. L’uscita di scena di Santoro ha lasciato uno spazio di manovra a Giovanni Floris, conduttore del programma di Rai Tre,  tale da ridurre ai minimi termini tutti gli altri. La puntata di ieri sera (martedì 25 per i chi arriva dopo) con lo scontro fra il presidente della Camera, Gianfranco Fini, e il ministro Maria Stella Gelmini, ne è stata una evidente dimostrazione. Nemmeno Bruno Vespa, con il suo Porta a Porta, sta ottenendo gli stessi risultati. E allora diventa importante squarciare il velo sul giovedì sera di Rai Due, volendo capire cosa vuol fare viale Mazzini di quella rete. E, soprattutto, c’interessa capire se l’azienda guidata dalla Lei ha davvero voglia di rischiare sul nuovo, investendo su volti sconosciuti anziché sui soliti noti. Sarebbe un bel modo di fare servizio pubblico.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog