Cerca

Le donne in televisione, non solo "oggetti"

una storia italiana

Enrico Paoli

Enrico Paoli

Toscano di nascita, ma romano di adozione (e vocazione) ha iniziato a "imbrattare" pagine al Tirreno di Livorno, scrivendo di sport e spettacoli, passando poi alla Nazione di Firenze. Prima di approdare al Giornale, (edizione toscana) si è divertito lavorando in radio (una passione che non accenna a diminuire nonostante gli anni). A Libero sono arrivato quasi dieci anni fa, per "colpa" di Feltri, transitando per la cronaca di Roma, che ho guidato sino al 2007. Da allora ad oggi politica e Rai.... quanto basta per non annoiarsi....
Le donne in televisione, non solo "oggetti"
Una storia importante che si intreccia con la vita e la profesionalità di una donna, una giornalista: la prima direttrice del Tg3 in Italia, Daniela Brancati, che racconta a modo suo attraverso aneddoti e riflessioni la tv di Stato.
A presentare il libro "'Occhi di Maschio. Le donne e la televisione in Italia. Una storia dal 1954 ad oggi", edito da Donzelli, è stata la è stata la Fondazione Foedus, da sempre attenta ai temi dell'informazione e del sociale.
Ne hanno parlato il presidente della Fondazione Foedus, Mario Baccini, il presidente della FNSI, Roberto Natale il responsabile della Cultura e dell'Informazione del PD, Matteo Orfini.
"Questo libro ci insegna che le donne possono arrivare ovunque con tenacia e competenza. È un'analisi autentica sulla situazione politica in Rai ma, a mio avviso, l'interrogatipartite in Rai c'è troppa politica o non c'è politica che sappia governare e mediare. Oggi in rai non c'è l'influenza dei pariti, c'è l'influenza di clan", con queste parole Baccini ha aperto il dibattito sul volume della Brancati.
Per Orfini "il volume è piacevole e scritto molto bene e per chi come me si occupa di cultura è importante ma soprattutto apre un dibattito importante sulla Rai e su come smontarne la governance e la struttura ed alcune visioni mitologiche della tv pubblica per ricostruire le basi dell'azienda. Questo è un racconto spietatamente sincero su come funziona la Rai!.
Secondo il presidente FNSI Natale, " questo libro si è soffermato su un tema prima che divenisse senso comune. Prima del se non ora quando. È un esempio di ottimismo. Ci aiuta a situare l'informazione in un contesto più ampio e profondo. Analizza come il servizio pubblico attraverso  quello che non passa sotto il marchio informatico abbia contribuito a plasmare la verità.  Io sono un difendore della Rai, oltre esserne un dipendente e vorri che la ricostruzione dell'azienda passase attraverso i valori che promuoviamo. Il senso dell'Europa, che oggi particolarmente ci interessa, passa anche attraverso la tv dei valori, anche e soprattutto attraverso il servizio pubblico che ne ha la vocazione. Il punto di vista è quello della donna che contrasta l'immagine della donna oggetto in tv".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

blog