Cerca

Fuori tempo...per Massimo

I ritardi di Calciopoli bis

Luciano Moggi

Luciano Moggi

Luciano Moggi nasce il 10 luglio 1937 a Monticiano, in provincia di Siena. Manager e dirigente sportivo del mondo del calcio, è noto al grande pubblico per aver ricoperto dal 1994 al 2006 la carica di Direttore Generale della Juventus. Attualmente è collaboratore del quotidiano Libero
Fuori tempo...per Massimo

Attendiamo fiduciosi, ma i segnali sono scoraggianti: l’inchiesta su Calciopoli Bis è partita con mesi di ritardo (Abete conteggia diversamente dalla Juventus, Agnelli per questo s’è assai arrabbiato), sotto Natale. Ma l’abbozzo è stato quasi un rigurgito, se ci pensate bene: sentito Paolo Bergamo grazie alla sua personale disponibilità a dare un contributo di verità a 360°, dopo le ottusangole prospettive di ricerca dimostrate dai “segugi” federali nel 2006; audito Pierluigi Pairetto nientemeno che a Torino, fuori sede e con diaria da trasferta, il 28 dicembre, tra Natale e Capodanno. E poi? Niente, se non la lettera di convocazione a Moggi come fosse un tesserato e non il “non tesserato” della sentenza della Corte Coni del 2008 (caso sim svizzere).

Avevamo cominciato il conto alla rovescia, scandito da Abete proprio a fine 2010: si chiude entro la fine della stagione, e quei tempi non ci stavano bene se si trattava di far emergere che anche l’Inter - nonostante le assoluzioni dell’ex indagato Carraro - telefonava, parlava, contattava, cachemirava ad aprirsi un varco nella Can, con Nucini, cavallo di Troia, un po’ reticente e un po’ scordello quando si tratta di posti di lavoro procacciati e schede gettate al vento e poi riemerse nella memoria. Per sentire Massimo Moratti, anche se si accelerasse ora, si è fuori tempo se quello a cui stiamo assistendo - oltre alle solite lungaggini - è solo una revisione parziale di Calciopoli.

Nel frattempo Palazzi è in rotta prolungata con Abete, vede il 30 giugno prossimo come capolinea della sua vicenda di procuratore federale e l’orologio attivato a fine 2010 continua a correre inesorabile. Siamo fuori tempo… per Massimo. E per una giustizia giusta, come dimostra anche la grottesca vicenda della radiazione che nessuno sa se, come e quando attivare nei confronti di Luciano Moggi, dopo ben 54 mesi di pena scontata sui 60 comminati quando si pensava fosse solo lui a parlare con i designatori e si ignorava - nonostante le testimonianze - che anche tutti gli altri si davano da fare. 

di Alvaro Moretti

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Baronedel Carretto

    26 Gennaio 2011 - 10:10

    Ritengo che una bella cappa di silenzio sulla vicenda della laurea HC al simpatico scugnizzo sarebbe stata la cosa migliore. Marina non ha retto alla tensione ed ha sparato ad alzo zero: gli ha fatto solo un favore. Ormai il simpatico scugnizzo vive di mediaticità, tv, giornali, lauree, convegni. Non ha molto più da dire e si arrangia bene. Un silenzio d'oro è mnlto più utile di inutili sparate. Giovanni.

    Report

    Rispondi

  • Baronedel Carretto

    26 Gennaio 2011 - 10:10

    Caro Moggi, approfitto di questo spazio per darti tutta la mia stima personale come manager sportivo e DG della grande Juve. Purtroppo siamo in Italia ed il miglior giocatore dell'Inter (Guido Rossi) ti ha fatto un goal irregolare, col plauso di tutti i benpensanti che speravano di cavarsela con poco. Adesso la verità sta venendo fuori, purtroppo tardi siamo in Italia, i danni alla grande Juve sono stati fatti e sono quasi irreversibili però la speranza di noi Juventini e che un manager come te (Ibra, buffon, 3Segh, nedved, ...) riprenda presto le redini. Un abbraccio. Giovanni.

    Report

    Rispondi

  • itz10pf

    25 Gennaio 2011 - 17:05

    Ripeto quello che ho detto prima: " E' ovvio che cercano di difendere il loro amicone cercando di scaricare m... sugli altri" ecco cosa c'e' agli atti del processo di Napoli !!!

    Report

    Rispondi

  • Lorenzo1508

    Lorenzo1508

    24 Gennaio 2011 - 01:01

    ....guardati allo specchio! vedi come ci si riduce a leggere fogliacci color maiale? ma tu del processo di napoli sai niente? sai delle figure di palta che stanno facendo i tuoi amici vivi e anche morti? lo sai che sta venendo fuori(piaccia o non piaccia) l'esatto contrario che avevano fatto bere ai gonzi come te? ma tu sei fermo ancora al moggi che chiude gli arbitri negli spogliatoi? mmmmh penso proprio di si! beh, fatti prestare qualche neurone dai tuoi parenti dentimarci, tronchetto,rossi,provolone e compagni(beh...averceli...i neuroni)e prova a leggere gli ATTI del processo di napoli; poi torna quì a scrivere; se ne avrai il coraggio e se, ovviamente, ci avrai capito(del che ne dubito)qualcosa.

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti