Cerca

Piaccia o non piaccia, Moggiopoli non esisteva

Più che Calciopoli, una Farsopoli

Luciano Moggi

Luciano Moggi

Luciano Moggi nasce il 10 luglio 1937 a Monticiano, in provincia di Siena. Manager e dirigente sportivo del mondo del calcio, è noto al grande pubblico per aver ricoperto dal 1994 al 2006 la carica di Direttore Generale della Juventus. Attualmente è collaboratore del quotidiano Libero
Piaccia o non piaccia, Moggiopoli non esisteva
Nella frase «piaccia o non piaccia agli imputati non ci sono mai telefonate tra Bergamo o Pairetto con il signor Moratti», pronunciata ancora nel 2008 dal pm di Napoli c’è tutta Calciopoli. Anzi c’è tutta Farsopoli.

Oggi, cinque anni dopo, stiamo qui a discettare su responsabilità uguali o diverse di Moggi e Facchetti e Meani e anche degli altri presidenti. Ma non è questo il punto. Il punto è che 5 anni fa, nascoste non si sa perché né da chi le telefonate dell’Inter, alcune del Milan e anche le molte altre di molti altri dirigenti, si è imbastito un finto processo sportivo, e una feroce gogna mediatica, agevolata anche dalle responsabilità della Juventus, soltanto sulle telefonate di Moggi.

Si è parlato di un sistema Moggi. Di comportamenti esclusivi di Moggi. Di Moggiopoli. E’ stata fatta passare l’idea che a telefonare fosse solo Moggi. Piaccia o non piaccia, si diceva, non ci sono telefonate di Moratti eccetera. Invece c’erano e configuravano illeciti sportivi, dice oggi – 5 anni dopo – la procura federale che allora chiese la retrocessione della Juventus senza ascoltare tutte le telefonate.

Non entro nel merito delle accuse, che per me (e in realtà anche per le sentenze sportive) non hanno a che fare con illeciti, ma con violazioni del principio di lealtà, ma queste telefonate che, piaccia o non piaccia, c’erano ed erano estese, diffuse e imbarazzanti fanno crollare l’intera impalcatura accusatoria creata intorno a un Sistema Moggi che controllava designatori,
mercato* e il calcio.

Tutti telefonavano a tutti. Tutti chiedevano rispetto ai designatori. I designatori incontravano a cena tutti i dirigenti, anche quelli onesti, e a tutti davano conforto e schiacciavano l’occhio. Alcuni chiedevano addirittura arbitri specifici e assistenti amici, provando a bypassare i sorteggi. Altri non si sa che cosa facessero con schede sim estere (intercettabili come le altre, però). Altri si servivano di agenzie deviate della Telecon per spiare mezza Serie A. Ma, di nuovo, è il contesto svelato dalle telefonate occultate allora ad aver cambiato la prospettiva sul calcio italiano: il sistema Moggi non c’era e se c’era era parallelo a quello degli altri. Più o meno influente, ma esattamente come quello degli altri.

Se allora si fossero ascoltate tutte le telefonate, nascoste negli incartamenti e scoperte dalla difesa di Moggi al processo di Napoli, sono certo che non avrebbero condannato anche l’Inter per illecito sportivo e magari più decisamente il Milan o altri. Non avrebbero condannato nessuno. Non sarebbe successo niente, perché niente era successo: se non sul campo di gioco. Sarebbe semplicemente crollata la chiacchiera da bar dello sport, alimentata da quelli che «nun ce volevano sta’» a perdere contro i palesemente più bravi, invece che essere elevata a teorema giudiziario pronto a crollare, sia pure in ritardo, nel momento esatto in cui le difese sono state messe in condizione di difendersi.

* L'accusa di controllare il mercato del calcio, in associazione a delinquere attraverso la Gea, è già crollata di fronte a un tribunale ordinario

di Christian Rocca

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sergiopell

    12 Settembre 2011 - 22:10

    Questa persona ci ha disgustato con la sua innocenza,persona di uno stile unico arrogante e' presuntuoso nega l'evidenza , e' come quelle donne di strada che passeggiano sui marciapiedi tutte le sere vicino al fuoco e dicono che aspettano il bus(ma non sono putt....) MOGGI E' LO STESSO. Vergogna ancora lo fanno parlare, LIBERO svegliati.

    Report

    Rispondi

  • uldebass

    15 Luglio 2011 - 14:02

    La realtà è che all'epoca Moggi era il più bravo di tutti, riusciva sempre a fare buoni colpi di mercato facendo quadrare il bilancio e la Juve era la squadra più forte (quattro finali di champions in 10 anni se non vado errato, cos'è? controllavano anche gli arbitri in europa?). La vera vergogna è quello che è successo, la vera vergogna è Moratti, l'invidioso che spendeva 1000 miliardi di lire e non vinceva mai. Moggi, ritorna!

    Report

    Rispondi

  • brontolone

    14 Luglio 2011 - 23:11

    certo ....anzi , certissimo: non conosci il senso della VERGOGNA !!!!!

    Report

    Rispondi