Cerca

Tre baffi rossi. Di vergogna

Calciopoli e le sabbie mobili

18
Tre baffi rossi. Di vergogna
Ci mancava anche questo: un pozzo di verità inesplorata che cambia tutto. Calciopoli era, doveva essere un’altra cosa: ora abbiamo scoperto che i marescialli orecchiuti di via In Selci ascoltavano a 360°, ma che chi doveva dare ordine di trascrivere le telefonate gravi o solo interessanti non dava l’input se di mezzo c’era l’Inter. Ma anche il Chievo, il Brescia etc. Quei tre baffi rossi messi a fianco delle telefonate di Facchetti a significare che la chiamata sul 5-4-4 era di quelle gravi, da sunteggiare, da inserire nelle informative fatte poi circolare e pubblicare o precipitate nell’estate 2006 sulle scrivanie di Borrelli e compagni significano tanto, forse tutto. Ci mettono paura, quei tre baffi rossi omessi: il caso Telecom, le nucinate, l’indagine scomparsa della Boccassini di cui non si può sapere nulla, la fuga di cervelli dal ruolo di pm a Napoli, l’approdo al comune di Napoli di Auricchio e Narducci, la prescrizione a orologeria per lo scudetto 2006, le telefonate sparite e poi ritrovate, i baffi comparsi e finiti nel dimenticatoio. In che sabbie mobili stiamo mettendo le mani? Eppoi: possibile che questa parte della verità di Calciopoli interessi, tanto da ricercarla, solo all’imputato Moggi ai fini difensivi ovvi di un processo per evitare una condanna per associazione a delinquere?

di Alvaro Moretti

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • sergiopell

    17 Settembre 2011 - 02:02

    Questo ha inguaiato il calcio in Italia.Una parola per L'Agnellino fermati che sei in tempo , perche' se vanno un po' dietro di qualche anno ne perdi altri 14 di scudetti. In quando a quel strozzino del calcio(MOGGI) ancora ne vedremo delle belle quello vi sta incantando a tutti con le sue parole,deve rimborsare la juve per quello che ha fatto, se' arricchito con i risultati che sono venuti alle spalle dei tifosi e quelli ancora lo acclamano.SVEGLIATEVI

    Report

    Rispondi

  • mistercaso

    05 Settembre 2011 - 00:12

    ... il Tronchetti Provera e l'Oriale Lele.Quanto a Facchetti.....lasciamo perdere la sua alta morale sportiva perchè si cade solo nel ridicolo!!!!!!

    Report

    Rispondi

  • cubano44

    30 Agosto 2011 - 08:08

    Ancora qua? Ma non dovevi essere radiato? Fossi in te caro Moggi la finirei di scrivere stronzate su Facchetti e mi limiterei a sparlare dei vivi così da poter avere risposte, sempre che le tue minkiate siano degne di risposte!!!

    Report

    Rispondi

Mostra più commenti

Luciano Moggi

Luciano Moggi

Luciano Moggi nasce il 10 luglio 1937 a Monticiano, in provincia di Siena. Manager e dirigente sportivo del mondo del calcio, è noto al grande pubblico per aver ricoperto dal 1994 al 2006 la carica di Direttore Generale della Juventus. Attualmente è collaboratore del quotidiano Libero

media