Cerca

Alla Juve manca un Trezeguet

Giusto il silenzio stampa, ma ai bianconeri là davanti manca qualcosa

Luciano Moggi

Luciano Moggi

Luciano Moggi nasce il 10 luglio 1937 a Monticiano, in provincia di Siena. Manager e dirigente sportivo del mondo del calcio, è noto al grande pubblico per aver ricoperto dal 1994 al 2006 la carica di Direttore Generale della Juventus. Attualmente è collaboratore del quotidiano Libero
Alla Juve manca un Trezeguet
L’ex direttore generale della Juventus Luciano Moggi, nel corso della trasmissione condotta da Pippo Franco “Ieri, Moggi e domani” co-produzione  di Gold Tv, Telecolor, Rete 7, Telespaziotv e Italia mia in onda tutte le domeniche ha rilasciato interessanti dichiarazioni in merito all’ultima giornata di campionato disputata.

JUVE, GIUSTO IL SILENZIO STAMPA. TROPPI TORTI, MA DAVANTI MANCA UN TREZEGUET “Anche questa domenica la JUVENTUS ha da recriminare contro la classe arbitrale e trovo giusto il silenzio stampa adottato dalla dirigenza per evitare soprattutto nuove polemiche visto che a caldo si può anche trascendere nelle parole.

Certo che anche  la difesa più battuta del campionato, ovvero quella del GENOA, ha messo ancora una volta di più in evidenza la sterilità dell’attacco bianconero. L’arrivo di Borriello ha creato pressioni negative su Matri e Quagliarella? Non credo anche perché personalmente non ritengo Borriello un giocatore di livello. Mi sta poi deludendo molto Vucinic che dopo un buon inizio di stagione si è perso completante nella discontinuità. A me sinceramente i giocatori che azzeccano 1 gara ogni 5 non sono mai piaciuti. Io non l’avrei mai preso.  A questa Juve manca assolutamente un finalizzatore, manca un Trezeguet.”

MILAN,  VITTORIA SENZA STORIA SENZA UN LECCE DECIMATO DALLE SQUALIFICHE..
 “Il MILAN che ha allungato in classifica ai danni della Juventus ha vinto la sfida contro il LECCE senza nemmeno forzare. E’ stata una partita senza storia in cui i rossoneri ancora una volta di più hanno evidenziato la facilità di andare in goal grazie soprattutto a Ibrahimovic. Va segnalato comunque che il LECCE era molto rimaneggiato anche per via di 3 squalifiche subite. Fosse successa una cosa del genere a me e alla mia Juve sicuramente si sarebbe parlato di ammonizioni mirate e malafede arbitrale e mi avrebbero dato un altro capo di imputazione al Processo..…”

NAPOLI GOLEADA E TERZO POSTO SEMPRE PIU’ VICINO “Le sconfitte di UDINESE e LAZIO e la goleada effettuata contro il CAGLIARI avvicinano sempre di più i partenopei al terzo posto. Certo è che la vittoria contro i sardi è stata agevolata dalle pressioni negative generate da Cellino, capace di esonerare anche 3-4 allenatori all’anno. Come fanno i giocatori a credere in un progetto così? E questa gente si vanta anche di capire di calcio.

Ora il NAPOLI avrà la difficilissima sfida di Londra, dove il CHELSEA è in netta ripresa dopo che lo spogliatoio ha fatto fuori Villas Boas malvoluto quasi da tutti. Non sarà per niente facile contro i Blues ma la gara di ripartenze potrebbe esser ideale per metter in mostra il talento di Lavezzi e Cavani.”

INTER, PROVA DI CARATTERE
“A Verona l’INTERha mostrato una prova di carattere. Non era facile battere il coriaceo CHIEVO, anche se la squadra di Di Carlo gioca meglio fuori casa che in casa. Vittoria importante che fa morale e da nuovi stimoli ai neroazzurri chiamati ora a ribaltare la sfida di coppa contro un MARSIGLIA sempre più in crisi.”

ROMA, VITTORIA MERITATA
“A Palermo la ROMA ha disputato i primi 25’  di gioco in maniera veramente convincente, poi è un po’ calata. Il PALERMO è stato assente dalla partita e la sequenza degli ultimi risultati conferma che Mutti non ha ancora trovato il bandolo della matassa, soprattutto in difesa. La ROMA comunque è questa: forte con  i deboli e debole con i forti....”

LAZIO,  CHE OCCASIONE SPRECATA
“Una LAZIO dimezzata dalle assenze ha buttato via veramente una grandissima occasione per accorciare la classifica ed insidiare addirittura il secondo posto alla JUVENTUS. Così rischia invece anche di perdere il terzo posto ai danni del NAPOLI. Forse si è festeggiato troppo la vittoria nel derby. Non era proprio il caso di esagerare….”

UDINESE STANCA
“Dopo la tiratissima partita in Olanda di Europa League è evidente che l’
UDINESE ha pagato gli sforzi  di coppa giocando una partita stanca su un campo sintetico dove non è facile prender subito le contromisure. Onore al NOVARA del rientrante Tesser, il quale suo ritorno ha evidenziato perbene cosa è il calcio oggi. Le idee sono sempre meno chiare, a tutti i livelli.”

PARMA ATTENTA, IL LECCE E’ ANCORA VIVO
“A forza di ripetere che il PARMA non avrebbe lottato per non retrocedere forse la squadra emiliana si è rilassata un po’ troppo. E invece rischia a pari punti con il CAGLIARI perché il Lecce pur se con 6 punti di meno è ancora vivo. E la squadra è stata sorpassata anche dal SIENA vittorioso a CESENA. SIENA che in classifica ha agganciato una sempre più deludente FIORENTINA".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Balux

    17 Marzo 2012 - 11:11

    Sono fin troppo evidenti le mancanze di questa squadra Direttore. Lo sapevano già tutti cosa mancava questa estate e non si è intervenuto. Colpa del DS. Addirittura eravamo Campioni d'inverno ed era obbligatorio puntare al massimo risultato (siamo la JUVE!!!) e quindi andare a prendere un Trezeguet appunto... cosa che il DS non ha fatto. Su Borriello non mi esprimo ma... diciamo solo grazie a Baldini e Marotta. Aggiungo altro? Meglio di no. Quello che manca alla Juve è un Dirigente da Juve !!! Manca Lei Direttore. Lei e il Dottor Giraudo. Ricostruire una JUVENTUS non sarà facile ma solo Lei lo può fare. Saluti.

    Report

    Rispondi

blog