Cerca

E l'Inter ora scarica tutto su Facchetti

Calciopoli e veleni

Luciano Moggi

Luciano Moggi

Luciano Moggi nasce il 10 luglio 1937 a Monticiano, in provincia di Siena. Manager e dirigente sportivo del mondo del calcio, è noto al grande pubblico per aver ricoperto dal 1994 al 2006 la carica di Direttore Generale della Juventus. Attualmente è collaboratore del quotidiano Libero
E l'Inter ora scarica tutto su Facchetti
È sembrato un abbaglio collettivo, pochi infatti si staccavano dal coro delle previsioni favorevoli al Napoli. E forse ne è rimasta contagiata anche la squadra, caduto come l’Inter, niente triplete italiano in Champions: resta il Milan  per la miseria di un gol. Improvvisamente ridiventiamo piccoli, e se il calcio inglese ce l’ha fatta per il rotto della cuffia, noi siamo lontani dagli splendori spagnoli e tedeschi.

Toccherà dunque interrogarsi se sia stato il Napoli a tradire, più che il Chelsea a sbalordire col mestiere di Drogba, Lampard e Terry. La squadra di Mazzarri esce a testa alta, ma l’elogio sa di effimera consolazione: per noi esce e basta, e ce ne dispiace. Meglio dire chiaramente che  il Napoli ha sbagliato l’approccio, troppo poco hanno fatto i suoi tenori: non c’era il miglior Lavezzi, meno che mai Cavani, il cui intervento più apprezzato è stato in chiave difensiva. Poco efficace Hamsik che avrebbe dovuto mettere in crisi il Chelsea sfilando tra le linee. Tutto questo può succedere quando si incontrano avversari di caratura superiore. Mazzarri si appiglia all’infortunio di Maggio, e può aver ragione, ma se bastava questo per fermare il Napoli, significa che i sogni dei quarti erano pretenziosi. Di Matteo ha rispolverato anche il niño Torres, che ha creato molti grattacapi alla difesa del Napoli.

In una serata nerissima rendiamo atto a De Laurentiis di aver reagito con compostezza e filosofia: non è poco per chi è abituato a lanciare bordate e provocazioni. Ha salvato anche l’arbitro, e qualcosa poteva invece dire, ma ha chiuso con eleganza: «Per noi è esperienza». Il Napoli ha capito di dover catapultarsi subito sul campionato: il terzo posto per tornare in Champions è più che mai importante, De Laurentiis l’ha detto chiarissimo, e passa per l’Udinese al Friuli, nel posticipo di domenica.

L’operazione Di Matteo è stata tentata anche da Ranieri, dentro tutti i senatori, ma l’esito è stato diverso. La guardia imperiale dei tempi del triplete è stata una comparsata di reduci, e l’eliminazione ad opera di Deschamps, vecchia Juve (c’entra poco ma insomma...) ha posto il timbro alla fine di un ciclo. L’ Inter, fattasi grande con Calciopoli quando gli avversari erano stati fatti fuori o messi in un angolo, dopo aver depredato tutto ciò che si poteva depredare, è giunta alla fine del percorso e del grande pateracchio; nessuno ne ha voluto la fine, giunta per via naturale lasciando che Moratti riprendesse le sue abitudini di sbagliare uomini e strategie. Il risultato è nei numeri: fuori dalla Champions, 17 punti dal Milan, otto dal terzo posto, fuori anche dalla Coppa Italia, distante anche l’Europa League.  Ai grandi che compivano questo percorso gli antichi dedicavano un epitaffio. Non chiedetelo a noi, non siamo  abituati ad infierire.

Il Facchetti che non si doveva toccare neanche con un pensiero viene tristemente toccato dall’Inter stessa. Nella memoria difensiva presentata dal club nella causa intentatale dall’ex arbitro De Santis gli avvocati della società dicono e scriveranno che Facchetti non aveva le deleghe necessarie per commissionare le attività di  dossieraggio ai danni di De Sanctis, e  non solo. Evidente l’intento, Inter non colpevole, ma se fosse accertato un coinvolgimento di Facchetti, sarebbe stata una sua iniziativa personale, mancando le deleghe. Una squallida operazione nei confronti dello scomparso ex presidente, non sfuggita agli articolisti di Ju29ro che si chiedono cosa abbia da dire in proposito Gian Felice Facchetti visto che l’Inter «rinnega la celebrazione agiografica del padre». E anche la rosea, in proposito, cosa ne dice ? I nodi vengono al pettine. Basta saper aspettare.

luciano.moggi@liberoquotidiano.it

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Balux

    16 Marzo 2012 - 23:11

    Direttore Lei ha ragione su tutto ma io da tifoso Juventino dovrei essere dispiaciuto per questo? No, non lo sono. Anzi... FORZA BARCA !!! Perchè Le dico questo Direttorissimo? Perchè a Noi ci hanno fatto fuori con le menzogne, hanno colpito Lei per uccidere Noi e ora tocca a loro. Hanno voluto Farsopoli? Ecco i risultati che sono sotto gli occhi di tutti. Avevamo il miglior Campionato e il miglior calcio del Mondo ora è solo un circo dove noi non siamo voluti. Lei Direttore deve tornare nel calcio. Lo deve fare per Noi tifosi nonostante sia stata la Nostra stessa Proprietà a volerla fare fuori. Lo deve fare per dimostrare a tutti, qualora ce ne fosse bisogno, che Lei è UOMO di calcio e che la Juve è la Regina d'Italia. Non mi piace Marotta e poi vederlo in quello che è il Suo posto è una pugnalata !!! Nessuno fa niente per Noi, solo Lei Direttore ci ha sempre difesi e ci ha regalato emozioni indescrivibili. Noi la aspettiamo Direttore. Sempre al Suo fianco per altre MILLE battaglie !!

    Report

    Rispondi

blog