Cerca

L'islam non teme la rivoluzione sessuale

La blogger egiziana che si mostra nuda sul web ha già perso la propria battaglia

Andrea Morigi

Andrea Morigi

A Libero dal 2000, conduttore di Radio Maria, autore del Rapporto sulla libertà religiosa nel mondo.
L'islam non teme la rivoluzione sessuale
Se il gesto di Aliaa Mahdy, la blogger egiziana che ha diffuso sul web le proprie fotografie dove è ritratta nuda, fosse sinonimo di libertà e di ribellione, l’Europa e gli Stati Uniti non si troverebbero di fronte alla minaccia dell’islam.
Farà anche scalpore, ma non servirà a sconfiggere la misoginia e l’ipocrisia dell’islam mostrarsi senza veli e senza velo o dichiararsi atea come fa la studentessa di arte all’American University del Cairo.
Eppure proprio le società occidentali, che hanno subito la rivoluzione sessuale dagli anni Sessanta del secolo scorso, si trovano ora di fronte a propagandisti musulmani che intendono creare zone franche in cui si applica la sharia. Accade a Copenaghen, ma anche a nel Regno Unito, in Belgio, in Spagna, in Francia e in Germania, dove pure la pornografia dilaga senza censure, in nome della libertà d’espressione.
E in Italia, Paese dove tutto sommato la presenza cattolica va riducendosi in proporzioni meno significative rispetto al resto del Continente? Qui da noi anche il fondamentalismo avanza più lentamente. Oddio, si potrebbe fermarlo in modo più energico, mettendo fuorilegge il burqa e il niqab, per esempio. Peccato che la crisi avrà conseguenze anche all’interno delle istituzioni. Su molti altri temi eticamente sensibili, la cittadinanza e l’eutanasia fra tutti, molto probabilmente non si riuscirà a legiferare fino alla prossima legislatura. Resta da vedere se saranno soffocate anche le intuizioni del precedente ministro dell’Interno, Roberto Maroni, che avevano permesso a esperti e studiosi di islam di riunirsi al Viminale per indicare soluzioni su come affrontare il nodo della convivenza fra islam e società civile. Comunque la si pensi, ora fa troppo freddo per spogliarsi. E, soprattutto, per rimanere scoperti davanti ai fondamentalisti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • maan

    01 Agosto 2012 - 17:05

    Se sono tutte così fanno bene a coprirle dalla testa ai piedi

    Report

    Rispondi

  • capitanuncino

    21 Novembre 2011 - 19:07

    nei paesi islamici dilaghi indecentemente,è risaputo da almeno 30 anni,tempo che il sottoscritto ha passato in medio oriente per questioni di lavoro.In Iran vuoi una bottiglia di Four roses?Una di Chivas regal?Riviste porno americane,inglesi,italiane?Una mignotta?Basta pagare e trovi tutto quello che vuoi.Basta dare 50 dollari ad un cameriere e ti trovi la donna in casa.Questo in Libia,Marocco,Algeria,Arabia Saudita,Bahrain,Emirati,Yemen.Iran,Kuwait.Anzi,per gli Emirati basta essere in possesso dell'Alcool Permit che non ti cerca nessuno.Senza correre rischi,si puo' comunque andare dall'Imam e fare un contratto di matrimonio.Quelli che vengono in Europa a pretendere sono solo dei poveri co°°°°ni intrisi di ideologia islamica.La maggior parte dei musulmani dell'Islam,una volta che si rendono conto della liberta' di mangiare,bere,e trombare...Non gli interessa nulla.

    Report

    Rispondi

blog