Cerca

Fini si è fissato con Minzo e vuole fucilarlo

Il presidente della Camera è impazzito per una mia intervista al Tg1, e ha scritto a tutti rivendicando un contraddittorio

Franco Bechis

Franco Bechis

Torinese classe 1962. E' stato direttore del Tempo, Italia Oggi e Milano Finanza. Attualmente è Vicedirettore di Libero
Fini si è fissato con Minzo e vuole fucilarlo
Ormai è diventata una fissa. Gianfranco Fini vuole a tutti i costi una riparazione per un'intervista che mi ha fatto il Tg1 una decina di giorni fa in cui dicevo la mia opinione sulla sua decisione di impedire una nuova presentazione del rendiconto generale dello Stato per il 2010. Sommessamente consigliavo di badare alla sostanza, e cioè al bene comune (senza rendiconto le imprese italiane sarebbero state pagate più tardi dalla pubblica amministrazione per oltre 100 miliardi di euro) più che alla forma del regolamento. Lui l'ha presa quasi come vilipendio. Ha scritto al presidente della Rai, Paolo Garimberti, al direttore generale della Rai, Lorenza Lei e ha chiesto addirittura l'intervento della commissione parlamentare di vigilanza guidata da Sergio Zavoli per avere riparazione e rivendicare la necessità di un contraddittorio. La lettera è piccata e con toni decisamente sopra le righe. Naturalmente non sono io l'obiettivo, ma un semplice pretesto: vuole fare saltare dalla poltrona il direttore del Tg1, Augusto Minzolini. I due non sono mai andati particolarmente d'accordo nemmeno prima che l'uno diventasse presidente della Camera e l'altro arrivasse alla guida del primo notiziario della Rai. Come si usa però appena nominato Minzo chiese di presentarsi nel suo nuovo incarico anche al presidente della Camera. Fini lo ricevette e sorridendo gli disse: "Ti chiamano lo squalo?", poi tirò fuori dal cassetto una sua foto con tuta da sub, fucile in mano e dall'altra un pescione appena catturato, e disse: "vedi come li riduco io gli squali?". Voleva scherzare. Ora assai meno, e il suo fucile punta proprio su Minzolini

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • charmant2

    27 Ottobre 2011 - 11:11

    Sono del parere che parlando spesso del fedigrafo,involontariamente lo si mantiene sulla cresta dell'onda nel bene e nel male. Possiamo richiamare alla mente un vecchio detto secondo il quale,parlarne anche negativamente,resta pur sempre una buona pubblicità. E,se costui ce lo dimenticassimo nel settimo cerchio dell'inferno,non sarebbe molto meglio? Penso che questo traditore che ha causato cotanto danno non alla sua parte politica solamente,ma a tutta una Italia,ancorato saldamente alla sua poltrona,non so per quali espedienti politici,sarebbe bene dimenticarlo per sempre. Oramai ha fatto il suo tempo ed il temporale ch'è riuscito a scatenare,ha danneggiato tutti noi poveri pecoroni resi disarmati da leggi politiche assurde: RESTA INAMOVILE,a ricordo imperituro di un tradimento simile come gravità a quello perpetrato a Gesù da Giuda. Amen.

    Report

    Rispondi

  • mammagigi1

    27 Ottobre 2011 - 03:03

    se fini venisse arpionato spargerebbe tanta cattiveria, malanimo, arrivismo cieco che tutte le coste italiane verrebbero inquinate con pericolo di diffusione incontrollata del veleno che anima gli eterni secondi impossibilitati dalla propria inefficienza di fondo a diventare primi.

    Report

    Rispondi

  • Adrianavarela

    26 Ottobre 2011 - 20:08

    Complimenti al presidente della Camera per questo suo alto senso della libertà di stampa e di rispetto dell'articolo 21 della Costituzione. Bisognerebbe arpionare Fini, che non si vergogna mai

    Report

    Rispondi

blog