Cerca

Addio Tremonti ingrato! Vittorio Grilli pronto a fare la valigia e trasferisi in Goldman Sachs

Il direttore generale del Tesoro, deluso dalla vicenda di Bankitalia, sta per prendere il posto che fu di Mario Draghi

Franco Bechis

Franco Bechis

Torinese classe 1962. E' stato direttore del Tempo, Italia Oggi e Milano Finanza. Attualmente è Vicedirettore di Libero
Addio Tremonti ingrato! Vittorio Grilli pronto a fare la valigia e trasferisi in Goldman Sachs
L'indiscrezione è assai autorevole, anche se non ha trovato conferma ufficiale. Deluso per la mancata nomina a giovernatore di Banca d'Italia, il direttore generale del Tesoro, Vittorio Grilli sta per divorziare da Giulio Tremonti. Per lui è pronto un posto nel board of international advisor della Goldman Sachs, la banca-rifugio di buona parte dei top manager pubblici e perfino dei politici italiani. Secondo le indiscrezioni Grilli potrebbe diventare anche managing director della Goldman Sachs come fu per il suo predecessore al Tesoro, Mario Draghi che dovrebbe avere avuto anche una parte nella trattativa (quasi a compensazione della mancata corsa in via Nazionale). In Goldman Sachs oltre a Draghi sono approdati in questi anni anche Mario Monti, Gianni Letta e Romano Prodi. Talvolta un trampolino di lancio, altre un rifugio sicuro per la politica italiana. Per Grilli si tratta solo di attendere il momento giusto per l'uscita: in questo momento il direttore generale del Tesoro che getta la spugna può provocare ulteriori danni sui mercati ai titoli di Stato italiani.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Libero Quotidiano

Caratteri rimanenti: 400

Commenti all'articolo

  • Frankmanidiforbice

    01 Novembre 2011 - 19:07

    E alla fine tira più un pelo di poltrona che qualsiasi altra cosa...

    Report

    Rispondi

  • Waltrawley

    01 Novembre 2011 - 19:07

    Ma guarda caso, c'è sempre Goldman Sachs di mezzo. Sembra più refugio peccatorum che di grand commis, senza offesa per chi trova lì il suo porto. Non vorrei avesse ragione chi pensa sempre a complotti verso l'Italia. Ma le impronti digitali effettivamente ci sono...

    Report

    Rispondi

blog